Morte operaio Irpiniambiente, il sindacato: “Inaccettabile”

Morte operaio Irpiniambiente, il sindacato: “Inaccettabile”

8 Aprile 2020

Il comunicato della Fiadel (Federazione Italiana Autonoma Dipendenti Enti Locali), sull’incidente di ieri a Castelvetere sul Calore: “Schiacciato dal gasolone sul quale lavorava. Vittima, Raffaele Cataldo, un operatore di Irpiniambiente, deceduto ieri mattina mentre svolgeva il suo lavoro. L’ennesima morte in un settore, il comparto dell’igiene ambiente, dove la precarietà delle condizioni di sicurezza, inidonee, in alcuni casi del tutto inesistenti, sta causando troppi incidenti, troppi infortuni e troppe intollerabili morti sul lavoro.

La morte di Raffaele segue quelle recenti di altri operatori in Campania, e lascia un profondo dolore e forte rabbia in tutti noi. Vogliamo esprimere tutto il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alla famiglia. Così come vogliamo gridare con forza quanto sia inaccettabile morire sul lavoro. Non è più tempo degli appelli, delle parole, delle apparenti manifestazione di dolore estemporanee. E’ tempo dell’azione a tutela della salute e sicurezza delle lavoratrici e lavoratori del settore igiene ambientale.

La Fiadel, considerando che il settore è particolarmente a rischio, un operatore su nove nel settore ha subito infortuni sul lavoro, farà la propria parte in prima linea, per mettere in evidenza l’esigenza di investire nel
settore per garantire più tutele e risorse sui temi della salute e sicurezza delle lavoratrici e lavoratori”.