Montoro I. – Rischio idrogeologico: parte il progetto di risanamento

9 Novembre 2005

Rischio idrogeologico: la Comunità Montana Serinese-Solofrana si mobilita e presenta un progetto idraulico di messa in sicurezza del ‘Vallone di Mezzo’. I lavori per la sistemazione idraulica si sono resi necessari a seguito degli eventi alluvionali del maggio ’98 che hanno definitivamente inserito il territorio montorese tra quelli a maggior rischio idrogeologico dell’intero territorio regionale. La copertura finanziaria dell’opera si è avuta attraverso la Legge 185/92 riguardante le calamità naturali ed è stato stanziato un importo pari a 805mila euro. La Giunta della Comunità Montana ha approvato il progetto stralcio definitivo. Prima di passare a quello esecutivo, e quindi cantierabile, ha deciso, di rendere pubblico il progetto, illustrandolo ai diretti interessati e ai proprietari dei suoli occupati. Soprattutto per spiegarne la valenza concreta ed i benefici che i cittadini saranno in grado di trarre. La sistemazione idraulica prevede l’allargamento della sede del vallone, la pulizia, la reggimentazione delle acque e la loro sistematica canalizzazione. Nel suo complesso, quindi, l’intervento se non risolve completamente il problema quanto meno lo mitiga e in particolare salvaguarda il centro urbano di Montoro Inferiore da eventuali, ulteriori, danni. Nella stessa zona, peraltro, sono stati predisposti altri due interventi: uno di bonifica, a cura del Commissariato per il Rischio Idrogeologico, è già in corso. L’altro, di riqualificazione, sta per andare in appalto. “Da diversi anni – ha affermato il presidente Langastro – la Comunità Montana, in sinergia con il Comune di Montoro Inferiore, si è attivata per cercare di risolvere quella che è una problematica seria e ormai datata. Tutte le azioni poste in essere dal nostro Ente sono andate nella direzione della concreta mitigazione del rischio sul territorio. Naturalmente non ci fermeremo a questo intervento ma andremo avanti pianificandone e realizzandone altri in armonia con questo”. Il tutto sarà illustrato venerdì alle 18.00 nel corso di un incontro che avrà luogo a Montoro Inferiore. All’appuntamento parteciperanno il sindaco Salvatore Carratù, il presidente dell’Ente montano, Michele Langastro, e gli assessori comunali Vincenzo Clemente e Luigi Del Regno. E proprio per quanto riguarda l’appuntamento di venerdì l’assessore Del Regno ha precisato: “Abbiamo avvertito l’esigenza di far comprendere alle persone interessate gli obiettivi del progetto. Un’opera che ridurrà gli effetti di eventuali fenomeni franosi e alluvionali. Su quella stessa zona, inoltre, stiamo predisponendo un’altra opera molto importante di forestazione produttiva e protettiva. Ma questa avverrà in tempi successivi”. Soddisfatto anche il sindaco Carratù: “E’ un atto importante che giunge dopo il susseguirsi di gravi eventi franosi. Un intervento utilissimo alla messa in sicurezza del Monte Salto per far defluire le acque e la massa dei detriti che da tempo non seguono più un percorso naturale, deviato, nel corso degli anni, da infrastrutture e costruzioni. Prima di giungere al convegno, che rappresenta un momento di ulteriori chiarimenti in merito al progetto, i cittadini hanno avuto dalla Comunità Montana una piantina che illustra perfettamente lo scopo dei lavori”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.