Montemiletto, la Pro Loco non si arrende. E’ tempo di “Fiesta”

0
995

“Fiesta perché restare”. La Pro Loco Mons Militum, impegnata quotidianamente nella promozione e valorizzazione del territorio, non si lascia abbattere dopo aver rinviato per due volte l’attesa manifestazione a causa di avverse condizioni meteo e finalmente si appresta alla realizzazione delle due giornate che urlano “Amore per le proprie radici”.

Il 17 e 18 Giugno Piazza IV Novembre, ospiterà una grande ‘fiesta’ al sapore della tradizione: animazione per bambini, giochi per ragazzi e tanto intrattenimento coinvolgeranno ogni fascia d’età all’insegna del buon divertimento.

Sabato 17 giugno gli “Zeketam” in concerto, che presenteranno anche il nuovo album,
si alterneranno ai vari dj set, Frisetti e Damaso, Rosch Dj, previsti per la giornata mentre gruppi itinerantidel posto come “Kith” e “Janeiro”, con il concerto di fine anno dell’Accademia musicale F. Guarente, diamante musicale di Montemiletto, si esibiranno accompagnando la degustazione delle tipicità del montemilettese prevista, oltre che per i due giorni di sera anche per domenica 18 giugno a pranzo.

Gli stand enogastronomici presenti infatti guideranno i partecipanti in un viaggio attraverso la storia e la tradizione culinaria del posto, caratterizzata da prodotti locali e piatti di rito che hanno scritto la storia di generazioni intere di famiglie.

Le attività del posto, le associazioni, le aziende radicate e i compaesani tutti sono stati chiamati a partecipare all’iniziativa per lanciare un messaggio forte e chiaro soprattutto ai giovani in ascolto: Restare per crescere insieme, contribuendo ad un futuro fatto di successi e progresso per Montemiletto.

“Non ci arrendiamo” afferma il Presidente Garofalo “Continuiamo con caparbietà ad evidenziare tutta la meraviglia che la nostra Terra ha da offrire. Vogliamo che il nostro paese e con esso l’Irpinia, possa accrescersi grazie agli innumerevoli punti di forza a disposizione divenendo casa sicura ed accogliente per le famiglie del presente e del futuro.”

I lettori tutti sono invitati alla viva partecipazione all’evento con la promessa che andando via porteranno con sé un pezzo della nostra terra.