Montella – “Wine&Fashion Florence 2005”, sfonda la Terminio Cervialto

25 Settembre 2005

Montella – L’Irpinia sfonda in Toscana. Una vetrina prestigiosa in una cornice d’eccezione. Le produzioni di qualità del territorio della comunità montana Terminio Cervialto hanno fatto tappa in uno dei templi dell’arte mondiale: la Galleria degli Uffizi di Firenze. L’evento “Wine&Fashion Florence 2005”, progetto di marketing territoriale integrato, ha visto l’ente sovracomunale di Montella tra i protagonisti. Alla base, un protocollo d’intesa siglato tra la Terminio Cervialto, la comunità montana Montagna Fiorentina e la comunità montana del Cadore. Nel corso della serata inaugurale, presso il piazzale degli Uffizi, trasformato per l’occasione in una elegante passerella, la Terminio Cervialto, presente con un proprio stand espositivo, ha fatto conoscere la tradizione d’Irpinia ai tanti ospiti intervenuti, in un viaggio enogastronomico scandito dai prodotti d’eccellenza, quelli che meritano di essere conosciuti su scala nazionale ed internazionale. Nell’ambito della cena “Defilé dei sapori”, lo chef irpino Antonio Pisaniello ha servito ottimi ravioli di ricotta con il tartufo nero di Bagnoli Irpino. Anche per il dessert spazio all’Irpinia con tartufo di castagne di Montella con crema al rum e cioccolato fondente. A suggellare il tutto, un maxischermo sul quale sono state proiettate le immagini più suggestive del territorio della comunità montana Terminio Cervialto. A presentare la serata, il giornalista Walter Santillo, che ha intervistato sul palco i presidenti della Terminio Cervialto, Nicola Di Iorio, e della comunità montana Montagna Fiorentina, Nicola Danti. Per l’Irpinia presente anche l’assessore al turismo del Comune di Montella, Franco Chieffo, il vice sindaco di Bagnoli Irpino, Carmelo Ventura, e Giacomo Pastore, in rappresentanza dell’associazione “Strade dei Vini d’Irpinia”. E intanto, sabato 1 ottobre, presso la sala consiliare del Comune di Londa (FI) verrà presentato il protocollo d’intesa tra le tre comunità montane. “Il protocollo d’intesa – commenta il presidente della Terminio Cervialto – è uno strumento utilissimo per far conoscere, attraverso un’azione integrata, il nostro territorio. E per poter entrare in un circuito più ampio. Si tratta di tasselli che ci permetteranno di raggiungere il risultato per noi più importante, che è quello di incrementare il flusso turistico in entrata e aumentare il Pil turistico dell’intera provincia”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.