Montefredane, prima edizione de “il Seme della vita”: targhe a 21 neonati

0
347
Montefredane_Sindaco_Ciro_Aquino

Sabato 10 febbraio alle ore 17:00, presso la Sala Consiliare G. Pisano di Montefredane, si terrà la prima edizione de “il seme della Vita” durante la quale sarà effettuata la consegna delle targhe, raffiguranti lo stemma dell’Ente, che l’Amministrazione comunale ha inteso donare ai nuovi concittadini residenti nati nel 2023.

Saranno insigniti 21 bambini: Lettiero Alice, Della Sala Eleonora, La Sala Antonio, Dente Vincenzo, Pasquale Francesco, Maglio Antonio Maria, Aquino Santi Astrid, Soviero Salvatore, Del Gaizo Michele, Graziano Noemi, Meola Beatrice, Luongo Andrea, Fasulo Maurizio, Endurance Osaretin Uwaifo Royalty, Gaita Pietro, Pagani Alessandro, Tedesco Lilith, Rosato Aurora Pina, Mauriello Rita, Romagnuolo Evelyn, Fernandez Herrera Geffel Alexander.

“Con questa iniziativa l’Amministrazione comunale intende trasmettere un segnale di particolare attenzione verso la crescita e il benessere dei nuovi nati, omaggiando le famiglie di una targa di benvenuto nella comunità, consapevoli di come non ci sia futuro senza le nuove generazioni, atteso che nell’anno 2023 sono nati e registrati come nuovi cittadini residenti 21 bambini e nel contempo sono defunti 24 cittadini”. E’ quanto afferma il primo cittadino di Montefredane, Ciro Aquino, che aggiunge: “intendiamo avviare con i nuovi cittadini residenti un rapporto di proficua partecipazione e cittadinanza attiva nel segno della fiera appartenenza alla comunità”.

“Dalla lettura dei dati demografici – spiega la fascia tricolore – emerge un saldo negativo della natalità, dato che vede incamminata anche la comunità di Montefredane verso il rischio spopolamento, anche per le crescenti difficoltà economiche e sociali che investono le aree interne ed il Mezzogiorno, per questo in Giunta si è deciso di proseguire con iniziative volte a sostenere ed incentivare attività a favore delle famiglie con l’organizzazione di iniziative ludiche, ricreative e culturali, volte alla socializzazione e all’integrazione dei minori e delle loro famiglie nel contesto municipale anche per favorire l’iscrizione dei residenti presso il locale plesso scolastico”, ha concluso il sindaco Aquino.