Massacro di Monteforte, l’esatta dinamica dell’omicidio di Gao

0
5563

Sono le 8:30 quando il nigeriano Robert Omo entra nel negozio di Alvanella, preleva dagli scaffali dei martelli, si dirige verso la cassa e senza alcun apparente motivo scatena la sua furia omicida prima contro il bulgaro e poi contro Gao Yuancheng, intervenuto per salvare il proprio cliente.

L’esatta dinamica della follia di sabato mattina è stata immortalata nelle immagini delle telecamere della video-sorveglianza acquisite dai Carabinieri. Dopo essere stato colpito ripetutamente, anche quando giaceva a terra, il commerciante cinese è deceduto poco dopo all’ospedale Moscati di Avellino. Il 49enne bulgaro, invece, lotta ancora tra la vita e la morte nel reparto di rianimazione del nosocomio di Contrada Amoretta.

Il 24enne autore della mattanza è stato poi tratto in arresto per omicidio volontario e tentato omicidio dai Carabinieri della Compagnia di Baiano, anche grazie ai rilievi e allo sviluppo delle indagini tecniche dei militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Avellino guidati dal Maggiore Pietro Laghezza.

Ai Carabinieri Robert, che non aveva dimora fissa, avrebbe dichiarato di aver perso il controllo, per questo il suo avvocato Nicola D’Archi ne ha richiesto la perizia psichiatrica. Fortunatamente alcuni cittadini sono riusciti a fermare il nigeriano all’uscita dal negozio cinese, mentre stava tentando di colpire anche una donna col bambino.

La salma di Gao è ancora a disposizione degli inquirenti che potrebbero disporre nelle prossime ore l’esame autoptico.