La furia ceca soffia sul lago: brindisi Avellino a Como con Nitriansky. Rivivi il live

0
72

L’Avellino cerca risposte positive anche in trasferta dopo il doppio brindisi casalingo: la partita dei lupi live su Irpinianews con la diretta testuale dallo stadio Sinigaglia.

Dallo stadio Sinigaglia, l’inviato Claudio De Vito 

SECONDO TEMPO

45’+5′ – E’ FINITA! L’Avellino sbanca Como grazie alla perla su punizione di Nitriansky, l’uomo meno atteso ma che alla fine ha regalato i tre punti alla squadra di Tesser. Terzo successo consecutivo per i lupi in netta ascesa nell’ultimo periodo.

45’+2′ – L’Avellino si difende a denti stretti.

45′ – Cinque minuti di recupero.

45′ – Gli ultrà del Como si accalcano alla rete di recinzione minacciando di invadere il campo. Intervengono i reparti mobili di polizia e carabinieri in assetto antisommossa.

44′ – Padroni di casa sfiduciati, anche se l’Avellino non riesce a chiudere i giochi nonostante tre limpide occasioni capitate dopo il vantaggio.

41′ – TROTTA! La punta biancoverde spreca tutto da ottima posizione di testa sull’assistenza morbida di Castaldo, il lob di test finisce di poco alto.

40′ – Avellino col 5-3-2, Como col 3-4-3.

39′ – Ultima sostituzione anche per gli ospiti con Ligi che rileva D’Angelo.

38′ – Madonna sostituisce Marconi nel Como. Ultimo cambio per Festa.

35′ – L’Avellino ha gli spazi per affondare il colpo. Il Como sembra sommerso dalla dura contestazione della curva di casa.

32′  D’Attilio agisce sulla trequarti: buono il suo impatto sulla gara.

30′ – CASTALDO! L’Avellino vicino a chiuderla ancora una volta. Angolo di Gavazzi dalla destra, la palla giunge a Castaldo che dal limite colpisce di mezzo collo destro sfiorando il palo. Scuffet non ci sarebbe arrivato.

29′ – TROTTA! Colpo di testa sulla punizione dalla sinistra di Gavazzi, Scuffet di tuffa alla sua destra deviando in angolo.

28′ – Secondo cambio tra le fila biancoverdi: D’Attilio sostituisce Bastien

27′ – Giallo anche per Casasola per un fallo su Castaldo.

25′ – Mokulu si è infortunato: deve lasciare il campo in barella. Entra Trotta al suo posto.

24′ – Sta per entrare Trotta nell’Avellino.

22′ – Secondo cambio nel Como: Bentivegna rileva Ghezzal.

21′ – FRATTALI! Ancora lui salva l’Avellino su un tocco ravvicinato di Ebagua sporcato da Nitriansky.

19′ – Il Como ha reagito allo svantaggio e ora cinge d’assedio l’area biancoverde.

17′ – FRATTALI! Riflesso felino sul piatto sinistro a botta sicura di Ebagua da parte del portiere biancoverde che salva tutto.

16′ – Esce Benedicic ed entra Casoli nel Como.

15′ – Espulso dalla panchina Soumarè per proteste. Il calciatore biancoverde era letteralmente schizzato in campo dalla panchina nell’occasione precedente.

14′ – Anche Nica finisce sul taccuino di La Penna per simulazione in area di rigore.

13′ – I fischi e i mugugni dei tifosi del Como sottolineano ogni errore dei calciatori biancoblu dopo lo svantaggio. Situazione ambientale complicata ora per i lariani.

11′ – Incredibile la sassata di Nitriansky che si è incaricato della battuta del calcio piazzato con la cattiveria giusta.

8′ – NITRIANSKY! Avellino in vantaggio! Siluro dai 25 metri del difensore ceco che da fermo fulmina Scuffet. Avellino avanti al Sinigaglia!

6′ – Ammoniti Bessa e Castaldo. Il centrocampista del Como ha commesso fallo su Bastien, mentre il giallo all’attaccante biancoverde è per proteste. Buu razzisti per Bastien

3′ – Punizione di Bessa dal limite da posizione decentrata sulla destra con palla deviata dalla barriera in angolo di poco.

2′ – Tesser fa subito riscaldare Insigne e Ligi.

1′ – SI RIPARTE! Squadre in campo con gli stessi effettivi.

PRIMO TEMPO

45’+3′ – Va in archivio la prima frazione nella noia più totale. 0-0 al Sinigaglia dove l’Avellino ha provato a pungere i padroni di casa in avvio. Partita maschia e per nulla entusiasmante sul piano dello spettacolo complice anche un terreno di gioco in pessime condizioni.

45’+3′ – Cartellino giallo per Ghezzal per un intervento killer su D’Angelo. Cartellino arancione per l’algerino in evidente ritardo di condizione.

45′ – Tre minuti di recupero.

41′ – Gioca fermo per uno scontro tra due calciatori del Como, Benedicic e Fietta. Il primo tempo si trascina via stancamente verso la fine.

36′ – Si sbadiglia qui al Sinigaglia dove nessuna delle due squadre riesci ad imprimere la svolta al match.

33′ – Più agonismo che tecnica in campo. L’Avellino non trova spazi nelle maglie strette del Como.

26′ – Ammonito D’Angelo per un intervento su Benedicic ma pochi secondi prima un break di Bastien aveva mandato Mokulu in porta con l’intervento di Casasola decisivo a tu per tu con Scuffet a salvare tutto.

25′ – Partita tutto sommato noiosa al Sinigaglia dove il gioco ristagna a metà campo.

22′ – Ancora una pennellata al centro di Gavazzi per Mokulu che svetta di testa ma spedisce alto.

22′ – Cantano a squarciagola i supporters irpini qui al Sinigaglia da dove vi stiamo raccontando live la partita tra Como e Avellino.

21′ – D’Angelo colpito duro per la seconda volta. Il capitano biancoverde resta a terra dopo un tackle deciso di Benedicic.

18′ – EBAGUA! Errore di Nica che si addormenta e favorisce lo sfondamento di Bessa a destra, il servizio al centro per Ebagua che si gira e col sinistro sibila il palo vicino. Brivido per l’Avellino.

14′ – E’ l’Avellino ora a fare la partita e a dettare i ritmi di gioco.

11′ – Episodio dubbio in area: Scuffet è in ritardo su Bastien all’altezza della linea del fondo, il belga va a terra ma per l’arbitro non c’è alcun contatto. Non è rigore ma nemmeno simulazione secondo il direttore di gara che fa riprendere con un rimessa dal fondo dopo aver inizialmente indicato la bandierina.

11′ – La doppia conclusione di Castaldo ha scosso l’Avellino e allo stesso tempo ricacciato indietro il Como che ora si difende nella propria metà campo.

9′ – Ancora Castaldo che sente il piede scottare. Bastien in posizione dal limite rovescia in area sul versante destro e il bomber biancoverde calcia al volo di un metro sopra l’incrocio vicino. Castaldo ha cercato il gol con gli effetti speciali.

7′ – CASTALDO! Avellino vicino al gol con il cross tagliato dalla sinistra di Gavazzi indirizzato sul secondo palo dove Castaldo sbuca alle spalle di Marconi ma in spaccata non riesce ad infilare Scuffet che si ritrova il pallone tra le mani. Occasionissima per i lupi che reagiscono alla difficoltà iniziale.

6′ – Approccio troppo molle da parte dell’Avellino. Il Como ha impattato con maggiore convinzione sul match.

4′ – Il Como preme e va ancora al tiro con Ghezzal che vince il duello con Nitriansky in area ma da posizione defilata conclude alto.

3′ – Azione prolungata del Como che arriva a ridosso dell’area con Benedicic che si aggiusta la sfera sul destro e calcia debolmente verso la porta dove Frattali blocca a terra.

1′ – INIZIA LA PARTITA! Confermati gli atteggiamenti tattici da ambo le parti. Avellino con il completo bianco con inserti verdi da trasferta.

0′ – I tifosi dell’Avellino sono ben oltre cinquecento alla luce del centinaio di irpini del Nord Italia che affollano la tribuna centrale. Incitamento e affetto da parte loro nei confronti dei calciatori biancoverdi durante il riscaldamento.

0′ – Clima di contestazione nella curva di casa dove gli ultrà esortano i calciatori a dare il massimo dopo le recenti deludenti prestazioni.

0′ – Tesser dunque non privilegia la continuità a vantaggio della colonia belga schierata in forze fra trequarti e attacco attraverso gli innesti di Bastien e Mokulu.

Approdano sul Lago di Como le speranze dell’Avellino di alimentare la serie positiva condita dalle due vittorie contro Pro Vercelli e Lanciano. I lupi sono di nuovo in ritmo e vogliono sfruttare il magic moment per tornare a gioire in trasferta dove l’ultima ed unica vittoria stagionale si è consumata a Terni cinquanta giorni fa. Attilio Tesser sa però che non sarà una passeggiata contro un Como ferito nell’orgoglio e chiede massima concentrazione ai suoi. La base del positivismo biancoverde poggia sul consueto 4-3-1-2 con le novità in salsa belga sulla trequarti, Bastien, e in attacco dove Mokulu fa reparto con Castaldo.

Atteggiamento tattico speculare da parte dei padroni di casa che schierano a sorpresa Ghezzal dall’inizio tra le linee a supporto del temibile tandem offensivo Ebagua-Ganz, quest’ultimo capocannoniere biancoblu con cinque reti. In difesa out Pol Garcia Tena e all’ultimo momento Borghese: Festa è costretto a confermare la linea a quattro d’emergenza con Marconi adattato a sinistra. Fietta promosso dal 1′ in cabina di regia.

Como – Avellino 0-1

Como (4-3-1-2): Scuffet; Ambrosini, Casasola, Cassetti, Marconi (38′ st Madonna); Bessa, Fietta, Benedicic (16′ st Casoli); Ghezzal (22′ st Bentivegna); Ganz, Ebagua.

A disp.: Crispino, Brillante, Gerardi, Scapuzzi, Sbaffo, Jakimovski.

All.: Gianluca Festa.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Nitriansky, Jidayi, Chiosa, Nica; D’Angelo (39′ st Ligi), Arini, Gavazzi; Bastien (28′ st D’Attilio); Castaldo, Mokulu (25′ st Trotta).

A disp.: Offredi, Soumarè, Petricciuolo, Insigne, Giron, Napol.

All.: Attilio Tesser.

Arbitro: Federico La Penna della sezione di Roma 1.

Guardalinee: Giovanni Pentangelo della sezione di Nocera Inferiore e Pietro Dei Giudici della sezione di Latina.

Reti: 8′ st Nitriansky.

Note: espulso dalla panchina al 15′ st Soumarè (A) per proteste; ammoniti al 26′ pt D’Angelo (A), al 48′ pt Ghezzal (C), al 6′ st Bessa (C) e al 27′ st Casasola (C) per gioco scorretto, al 6′ st Castaldo (A) e al 14′ st Nica (A) per comportamento non regolamentare; angoli 7-3; recuperi 3′ pt e 5′ st.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here