Lioni, apre al pubblico lo “Sportello amico”

0
256

Quello della conciliazione tra il tempo di vita e il tempo lavorativo, pur essendo da sempre percepito come una difficoltà esclusivamente femminile, è, di fatto, un problema vitale delle famiglie. Per una risposta adeguata ai bisogni di ogni singola famiglia è necessario offrire una qualificata, ampia e articolata gamma di servizi e strumenti attivi sul territorio.
Il progetto “Oasi Occupabilità, Assistenza e Sostegno Integrati”, concorrente all’avviso pubblico “Accordi Territoriali di genere” di cui al decreto dirigenziale n. 613 della Regione Campania, finanziato con risorse a valere sul P. O. R. Campania FSE 2007-2013, con il coinvolgimento e la partecipazione attiva del pubblico e del privato sociale del territorio, ha realizzato un sistema integrato di interventi e misure che favoriscano la conciliazione tra tempi di vita e di lavoro e alleggeriscano i carichi familiari per sostenere attivamente la partecipazione delle donne al mercato del lavoro.
Nell’ambito di tale iniziativa l’associazione Lab. or. is. di Lioni insieme al Consorzio dei Servizi Sociali dell’Alta Irpinia e con la collaborazione degli altri enti partner, apre al pubblico tutti i venerdì dalle 9,30 alle 12,30 lo “Sportello amico” presso la sede di Lioni del Consorzio in via Torricella, 5, dove 4 psicologhe, una sociologa, 2 consulenti aziendali, 2 consulenti per le pari opportunità, saranno disponibili a raccogliere le richieste di lavoratrici, cittadini ed aziende con i seguenti obiettivi:
offrire orientamento e consulenza al reinserimento lavorativo, sostegno e assistenza psicologica a lavoratrici in difficoltà;
avviare una campagna di informazione e sensibilizzazione nei confronti di imprese e cittadini per favorire la diffusione di una cultura della conciliazione e promuovere le pari opportunità di accesso e permanenza nel mondo del lavoro per i lavoratori e le lavoratrici;
supportare le imprese che intendano promuovere esperienze e iniziative in materia di conciliazione della vita lavorativa e familiare, anche proponendo visite aziendali;
favorire la realizzazione di un “sistema territoriale della conciliazione” con il coinvolgimento di tutti gli attori sociali (pubblico e privato sociale, enti di formazione, agenzie per il lavoro, Centri per l’impiego, sindacati) per la definizione a livello locale di azioni ed interventi integrati. Per ogni informazione o per definire le modalità di un incontro siamo disponibili, per lavoratrici, cittadini ed imprese al seguente recapito: 340/9984575.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here