Legambiente: “Le 4R per uscire dall’emergenza rifiuti”

0
64

Avellino – Emergenza rifiuti? Qual’è il problema? La soluzione è nelle “mani” di Legambiente “…basta applicare le 4R”. La soluzione del problema della gestione dei rifiuti non è sicuramente semplice ma è tuttavia chiaro che sotterrare i rifiuti in discarica o incenerirli è impresa costosa ed accompagnata da rischi non trascurabili. Il corretto approccio invece vede nella gestione integrata, che contempla il concorso di piú modalità operative e la collaborazione di tutti, singoli e istituzioni, la migliore strategia e nel rispetto delle quattro priorità introdotte dal Decreto Ronchi, la regola delle “quattro erre”, l’enucleazione del processo da adottare. Riduzione ovvero minore produzione di rifiuti all’origine: preferire prodotti con imballaggi costituiti da minor materiale; evitare prodotti in cui le singole porzioni da consumare sono a loro volta contenute in involucri singoli; andare a far la spesa con la borsa di juta o cotone portata da casa; scegliere prodotti di uso quotidiano sfusi, non confezionati; preferire le eco ricariche disponibili per alcuni detersivi. Riutilizzo: il prodotto va utilizzato piú volte cosí da diminuirne il bisogno di nuovo e noi consumatori possiamo usare un determinato materiale piú volte; preferire i contenitori con vuoto a rendere; preferire le pile con ricarica o comunque gli apparecchi alimentati sia a batteria che a rete; preferire gli imballaggi recuperabili e riutilizzarli il piú possibile in casa per altre necessità domestiche. Riciclo: il materiale che non serve piú al suo scopo viene trasformato per essere utile ad un altro ed è per questo che dovremmo selezionare quanti piú tipi diversi di materiale dai rifiuti, adottando la raccolta differenziata, in modo che possano essere in seguito sottoposti a processi di lavorazione per produrre nuovi materiali. Per realizzare ciò è comunque indispensabile attuare una buona selezione, cosí da poterli lavorare senza ulteriori passaggi tecnologici volti a rimuovere le impurità. Recupero: valorizzazione del rifiuto per ricavare materia seconda o energia. I rifiuti, infatti, non riutilizzabili e non riciclabili possono essere bruciati per produrre energia o utilizzati per produrre come materia seconda oggetti completamente diversi da quelli di partenza. (Emiliana Bolino)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here