La Regione Campania sempre più social, ma i like su Facebook sono pagati dai fondi Ue

La Regione Campania sempre più social, ma i like su Facebook sono pagati dai fondi Ue

3 Dicembre 2015

Tutti pazzi per i social network.

La fan page di Facebook della Regione Campania è balzata in sole tre settimane da quattromila a ben 55mila “like” (o “mi piace”), fino a risultare prima tra le Regioni in Italia.

Motivo?

Chi studia la rete per professione, ma anche i comuni utenti dei social, sa bene che è un dato eclatante.

Come riporta ieri e oggi il Corriere del Mezzogiorno, Palazzo Santa Lucia è diventata regina del web grazie a una campagna battente per la quale sono stati spesi in tutto 4omila euro.

Diecimila per Facebook, 5.000 per Twitter e 25.000 per Google.

Pare dunque che la nuova Giunta, rispetto alla precedente, abbia compreso il valore dei social network.

Mossa obbligata: nel 2015 la comunicazione, ora in mano a Mario De Rosa (responsabile informazione multimediale), passa soprattutto su quel canale.

fb-regione“Va specificato — afferma De Rosa al Corriere — che si tratta, è vero, di fondi comunitari, ma indiretti, nel senso che erano in dotazione al ministero dei Beni culturali e noi siamo andati a recuperarli altrimenti sarebbero andati perduti. Soldi che non potevano essere destinati ad altro. Sappiamo bene quanto sia importante Fb per la comunicazione e abbiamo deciso di puntarci attraverso una campagna ad hoc, non c’è nulla di anomalo. La nostra pagina Fb è diventata prima rispetto agli altri enti regionali? Bene, direi che sia una cosa di cui andare orgogliosi. Anche perché l’abbiamo trovata praticamente esangue, morta. La giunta precedente non se ne curava affatto”.

Ora i post targati Regione raggiungono più cittadini però i contenuti della pagina non sono il massimo, tutt’altro che accattivanti: convegni, piccoli concerti, rassegne.

“C’è una ragione – aggiunge De Rosa – Attendiamo che la risalita sul gradimento e il numero di persone raggiungibili si assesti prima di iniziare con una serie di contenuti redazionali specifici e d’alto spessore. Inutile farlo prima con numeri ancora bassi”.

Ad ogni modo, sul caso, i deputati europei del gruppo di Forza Italia Elisabetta Gardini, Lara Comi, Stefano Maullu, Alberto Cirio e Fulvio Martusciello hanno annunciato un’interrogazione urgente al commissario per le politiche regionali Cretu per sapere se corrisponde al vero che la campagna sia stata finanziata con fondi strutturali Poin.

 


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.