La festa ecologica: “Un modo per sensibilizzare il cittadino”

0
9

Frigento – La festa ecologica che si è svolta a Frigento lo scorso 22 agosto ha contribuito a sensibilizzare la popolazione verso le tematiche relative ai rifiuti. “Il problema è complesso – ha spiegato il sindaco Luigi Famiglietti – ma aumentare il grado di conoscenza nell’opinione pubblica rappresenta la condizione per il superamento della emergenza e per portare a regime il ciclo integrato dei rifiuti. Del resto i vertici istituzionali intervenuti al convegno hanno sottolineato che, proprio grazie all’azione di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini, è stato possibile portare la raccolta differenziata in provincia di Avellino ad un livello medio del 35 per cento. In alcuni Comuni siamo oltre il 60 e 70 per cento. Nello specifico, il Comune di Frigento ha ottenuto l’importante riconoscimento per essere stato inserito nel progetto nazionale dei ‘Castelli di pace’, che comprende sessanta Comuni tutti interessati allo sviluppo di pratiche finalizzate al risparmio energetico ed alla diffusione delle fonti rinnovabili”. Frigento, stando alla graduatoria stilata dai Consorzi, si attesta in fatto di rifiuti tra i comuni più attenti ed efficienti della provincia di Avellino. Alla manifestazione erano rappresentati i quattro circoli irpini di Legambiente e non accettiamo che un semplice socio, appartenente ad un circolo sconosciuto, intervenga non si sa a che titolo per muovere osservazioni in nome e per conto di Legambiente. Sinceramente l’atteggiamento assunto da Anselmo La Manna sta superando i limiti di sopportabilità: qualche settimana gridò allo scandalo, lasciando immaginare che la discarica di Frigento perdesse liquido pericoloso, ma è stato smentito dalle analisi di laboratorio commissionate da questa Amministrazione. Il risultato ufficiale, rilasciato lo scorso 9 agosto, classifica il rifiuto, costituito da percolato di discarica, come non pericoloso e idoneo per essere smaltito in un impianto autorizzato. La fuoriuscita è stata causata dalle abbondanti precipitazioni, ma l’evento non ha arrecato alcun danno per l’ambiente o per i cittadini. Preciso che la vecchia discarica comunale di Frigento è regolarmente autorizzata. Personalmente non ritengo ancora tollerabile che il socio di un circolo, peraltro diffidato a non utilizzare Legambiente per esprimere posizioni personali, continui a tentare di arrecare danno alla immagine ed alla credibilità dell’Ente locale che rappresento, pertanto mi riservo di intraprendere le iniziative del caso a tutela degli interessi legittimi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here