La denuncia della Cgil: “Tre mesi per una radioterapia al Moscati”

11 Ottobre 2013

Pazienti che restano in attesa di una radioterapia per tre mesi e non si tratta di esterni, bensì di pazienti già ricoverati presso reparti dell’ospedale. Da ultimo il caso di un paziente ricoverato in ematologia. Si tratta di terapie che vanno somministrate con una certa urgenza, in tempi brevi, ed invece, presso l’Azienda Moscati bisogna aspettare addirittura 3 mesi. La FP CGIL nel rappresentare e denunciare qaunto accade si chiede se il direttore generale è a conoscenza di tale situazione e, se lo è, quali misure intende intraprendere per abbreviare i tempi delle liste di attesa. La FP CGIL, che pure è a conoscenza della carenza di personale medico e tecnico presso il reparto di radioterapia, non può esimersi dal chiedere un incontro urgente al fine di capire le motivazioni di tale tempistica e trovare delle soluzioni alternative. Ritiene la FP CGIL che, ad esempio, un’attenta verifica andrebbe svolta sulla percentuale delle prestazioni rese in intra moenia in riferimento a quante, invece, l’azienda riesce a garantire in ordinario. La FP CGIL resta a disposizione per fornire un contributo propositivo rispetto alla problematica sollevata,


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.