Jadid e Bonfiglio: “I Lupi sono bloccati psicologicamente”

13 Novembre 2005

Jadid, l’attaccante con il numero 27 del Pescara, è stato ‘l’autore’ delle accuse mosse contro i giocatori di mister Colomba. Nel suo breve incontro con gli organi d’informazione, in più occasioni non ha risparmiato di sottolineare che “…i Lupi hanno giocato con paura. Erano bloccati in campo. Bloccati psicologicamente. Eppure, dopo aver visto in settimana più volte le videocassette sull’Avellino, ci aspettavamo di incontrare una squadra diversa da quella che è scesa poi in campo. Ci ha concesso pochi spazi ma siamo stati bravi ad approfittarne”. Conquistata la vittoria e raggiunti i 21 punti, rispetto ai 10 dei Lupi, il Pescara è già pronto alla prossima gara contro il Piacenza “…da domani ricominciamo a lavorare”. Jadid lascia il posto all’ex Bonfiglio. La prima domanda ha riguardato il suo passato tra le fila dell’Avellino “…sono stato così poco che non ho particolari ricordi”. Con aria snob, ha definito ovviamente importantissima la vittoria ottenuta contro l’undici di mister Colomba “…è venuta dopo tante sofferenze. Una vittoria forse dovuta anche grazie alla difficoltà che i Lupi hanno quando giocano in casa. Per me hanno molta paura. Hanno paura di non riuscire a difendere la palla, di sbagliare uno stop, di passare la palla. Insomma, a mio modesto parere, sono spaventati psicologicamente. L’Avellino ha una difesa insicura ed è normale che si commette qualche errore ma ha anche giocatori di esperienza come Rastelli ed inesperti come D’Andrea”.


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.