“Isola che c’è” firma protocollo con ASP Fondazione Banco di Napoli per l’Infanzia

0
52

La Cooperativa Sociale “L’Isola che c’è”, in questo particolare momento, ha fatto una scelta di senso e mette ancora una volta Palazzo Macchiarelli a disposizione della comunità, più specificatamente dei bambini.

La Presidente Speranza Marangelo ha firmato a Napoli un protocollo con l’Azienda Servizi alla Persona FBNAI, La Fondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’Infanzia, che consentirà attività pomeridiane rivolte esclusivamente ai bambini iscritti al Centro per minori a rischio di Montoro che hanno un’età fino ai 13 anni. Di mattina, invece, ci saranno attività finanziate dal progetto Myla, quindi completamente gratuite per le famiglie, per bambini fino a 6 anni.

“Si chiama “Quel che cambia” il progetto con il quale – dice la presidente Speranza Marangelo-puntiamo ad andare incontro ancora di più nelle esigenze delle famiglie che andremo a sostenere nel loro ruolo genitoriale offrendo opportunità concrete di costruzione condivisa di percorsi orientati al benessere collettivo in un tempo del tutto anomalo e inedito”.

Previsto un campo estivo nel mese di luglio rivolto ai bambini del centro per minori a rischio di Montoro all’interno di Palazzo Macchiarelli che ha a disposizione ampi spazi anche all’aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 15:30 alle ore 18:30.

Le attività saranno organizzate nel modo seguente:

– Lunedì programmazione delle attività settimanali e sostegno scolastico;

– Martedì orto didattico;

– Mercoledì trekking urbano fotografico;

– Giovedì laboratorio di memoria locale;

– Venerdì conclusione delle attività settimanali e sostegno scolastico.

Le attività continueranno la prima settimana di agosto, la prima settimana di settembre e nei mesi di ottobre, novembre e dicembre presso gli Istituti Comprensivi, come da progetto, tre volte a settimana per tre ore.

Previste attività di “Gruppo parent training” che saranno realizzate durante tutto il periodo del progetto.

Articolo precedenteMondragone, tensione alle stelle: furgoncino in fiamme nella notte
Articolo successivoMutuo casa, in Italia i tassi più convenienti
Giornalista. Ottimo. Leva (calcistica) dell’86. Sono laureato in Scienze Politiche all’Ateneo di Salerno con tesi in Diritto Amministrativo Europeo e un Master di II livello in Economia e Gestione delle Imprese. Ma la mia è una vita dedicata allo sport, più precisamente al calcio. A raccontarlo ho cominciato sin da piccolo e con Irpinianews, il giornale online al quale mi sento più affine, sto diventando grande. Da due anni in forza alla redazione, prima come cronista di calcio minore e successivamente, anche come inviato, a seguire le vicende dell’Avellino Calcio. Il web è il mio mondo, mi piace catturare e offrire notizie in tempo reale. Ho lavorato presso l’ufficio stampa del Comune di Salerno, con l’agenzia di stampa Mediapress, ho preso confidenza con il mondo dei social network e della condivisione di informazioni.