Industria e sindacati, Festa: “Poche soluzioni e troppi problemi”

1 Gennaio 2006

Un bilancio dei sindacati non roseo. I dati parlano da soli, la crisi che investe l’Irpinia perdura e a conclusione di quest’anno, nessuna soluzione intrapresa pare sia stata valida a sormontare le difficoltà economiche ed occupazionali. A tracciare un bilancio è Antonio Festa…
“Non ci sono dati numerici che possano descrivere la crisi del settore industriale. Si parla di un milione di euro stanziato per progetti di sviluppo e di una contrattazione tra Patti Territoriali, Regione Campania, distretti industriali, Contratto d’Area, ma questo 2005 non ha visto nessuna ripresa economica ed occupazionale”.
Come definire questo 2005 prendendo le parti dei lavoratori?
“Un anno abbastanza negativo, che ha visto centinaia di cassa integrazioni, espulsioni dal lavoro, pochi sbocchi lavorativi. Dobbiamo concentrare maggiormente le nostre forze sulle proposte messe su carte durante l’anno, in tal modo da inaugurare il 2006 con buone speranze di risveglio industriale”.
Nonostante il declino industriale sembri non arrestarsi, c’è qualche settore che ha registrato una accelerazione interna?
“Credo che nessun distretto sia stato interessato da rilanci. La situazione del settore tessile è peggiorata negli ultimi mesi, la crisi della concia solofrana, sempre più nelle mani dei mercati internazionali, non trova risposte concrete per poter rientrare. Solo i gruppi filiali delle grandi aziende metalmeccaniche, quali Iveco e Fma, riesco a sopravvivere all’ondata di difficoltà”.
Archiviato il 2005, cosa auspica dall’anno in arrivo?
“Una forte sinergia tra istituzioni civili, politiche e sindacali, può risollevare le sorti della nostra economia. Tracciando un bilancio del lavoro svolto dal sindacato, possiamo ritenerci soddisfatti dell’aumento dei iscritti anche in previsione del congresso di marzo”. (di Marianna Marrazzo)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.