Inchiesta Autostrade: non solo barriere insicure, ora s’indaga anche su gallerie non a norma

Inchiesta Autostrade: non solo barriere insicure, ora s’indaga anche su gallerie non a norma

18 Dicembre 2019

Non solo barriere dei viadotti autostradali a rischio, ora la Procura della Repubblica di Avellino vuole vederci chiaro anche sulle gallerie. Si parte dall’A16 Napoli-Canosa e dalla galleria “Montemiletto”, insistente tra le uscite di Baiano e Benevento.

Per i magistrati inquirenti, il Procuratore Rosario Cantelmo e il sostituto Cecilia Annecchini, titolari delle due inchieste su Autostrade per l’Italia, vi sarebbero gallerie non a norma, in quanto sprovviste di dotazioni impiantistiche minime prescritte per legge con conseguenti pregiudizi alla sicurezza della circolazione dei veicoli. Inoltre, gli interventi sostitutivi ipotizzati da Aspi, che gestisce la rete, non hanno ricevuto condivisione degli organi competenti.

Da qui la richiesta, inoltrata alla Commissione Permanente Gallerie del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e all’Ufficio Ispettivo Territoriale di Roma, di acquisire i pareri espressi in relazione agli interventi ipotizzati da Autostrade sulla galleria, in entrambe le direzioni di marcia (carreggiata est e ovest), così come gli esiti delle verifiche e dei sopralluoghi, oltre che delle comunicazioni e delle segnalazioni inviate alla Direzione Generale per la Vigilanza sulle Concessioni Autostradali, alla Prefettura e al Comando dei Vigili del Fuoco territorialmente competenti.