In difesa di Contrada Ischia pronti ad essere innalzati i fortini

0
57

Savignano Irpino – Inizia il conto alla rovescia per il tanto atteso ed importante incontro con il Governatore della Regione Puglia. I Sindaci di Montaguto, Savignano, Greci e del foggiano, hanno chiesto ed ottenuto per la mattinata di domani un summit con Niki Vendola: all’ordine del giorno le linee strategiche da porre in essere con l’approssimarsi dell’arrivo delle ruspe del Commissariato per l’Emergenza Rifiuti a Savignano Irpino. I primi cittadini, a loro dire, avendo ricevuto picche come risposta alle loro richieste dal Presidente della Regione Campania Antonio Bassolino, hanno ottenuto non solo la solidarietà ma anche l’impegno ad agire da Vendola “…innalzeremo dei veri e propri fortini ed il Commissario per l’Emergenza Rifiuti della regione Campania, Corrado Catenacci, per raggiungere il suo scopo dovrà passare sui nostri corpi”. E’ l’affermazione del battagliero Sindaco di Panni, Leonardo De Luca che non si stancherà mai di sottolineare il proprio disappunto alla localizzazione a Contrada Ischia del sito idoneo alla realizzazione della discarica che accoglierà non più foss e sovvali ma ecoballe. Dopo l’incontro di questa mattina, le comunità della Valle del Cervaro stileranno un vero e proprio programma di difesa, perdon di attacco: non solo fortini saranno innalzati ma anche tendopoli e baraccopoli che ospiteranno i cittadini presenti, h24, in presidio all’altezza dello Scalo Savignano-Montaguto e dello Scalo Panni. Dunque, si preannunciano giorni di lotta tant’è che la popolazione si è detta pronta ad occupare anche la linea ferroviaria Ariano – Troia: “Saranno quaranta chilometri di binari ‘ricoperti’ da noi. Non faremo passare nessuno. Le ruspe saranno bloccate per la nostra terra ha già fin troppo dato per fronteggiare l’emergenza rifiuti. Ora tocca agli altri!”. (Emiliana Bolino)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here