Il sindaco ai domiciliari autorizzato a votare libero e senza scorta

0
4987

AVELLINO- Gianluca Festa tornerà libero per qualche minuto nella mattinata di oggi. L’ex primo cittadino di Avellino, ai domiciliari, potrà votare nella sezione di Via Scandone dove è residente. Il Gip del Tribunale di Avellino, Giulio Argenio ha infatti accolto l’istanza ritualmente depositata dal difensore di Festa, il penalista Luigi Petrillo, per consentire l’esercizio del diritto al voto per il suo assistito. Un’istanza autorizzata dal Gip. Festa dunque nella mattinata di oggi, libero e senza scorta, raggiungerà il seggio per esprimere la sua preferenza per la corsa alle amministrative, quelle da cui proprio in ragione dello stato di detenzione domiciliare lo vedono escluso. Sul diritto alla partecipazione al voto dei soggetti sottoposti a detenzione domiciliare vale quanto disposto dall’articolo 48 della Costituzione in merito all’esercizio di voto: “Il diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale indicati dalla legge”.