Il paesaggio e la vita forinese nel libro di Paolo D’Amato

0
8

Forino – Sentiamo, forte, l’appartenenza a un luogo, non solo per le immagini che ci sono familiari, ma soprattutto per la vita, che un tempo gli scorreva attorno. Queste emozioni le fa vivere Paolo D’Amato nella sua ultima fatica letteraria “Un percorso montano forinese e le sue storie di vita” dedicata ai sentieri montani dimenticati del suo paese, Forino. Attraverso la memoria storica di un emigrante, Biagio, che oggi vive in Australia con figli e nipoti e la scoperta, dello stesso, del sito “salutidaforino.it”, elaborato dall’ autore del libro, nel quale Biagio ritrova il suo passato e i luoghi della memoria, D’Amato ricostruisce i percorsi dell’identità. Biagio, chiede a Paolo di ricostruire quei percorsi che lui da piccolo attraversava con il padre, seguendolo nel mestiere di carbonaio, umile lavoro che insieme ad altri, praticati nella zona, boscaioli, venditori di ghiaccio (in sito sono rilevabili molte neviere, fino al territorio di Bracigliano) carrettieri, erano l’unica fonte di sostentamento delle famiglie di un tempo e insieme un attaccamento alla terra, ai valori e al rispetto della natura, che oggi non c’è più. Magistralmente, Paolo D’Amato lega come un filo tutti i percorsi arricchendoli con le immagini dei luoghi che, da sole, raccontano un vissuto che non vuole scomparire. Il suo racconto riesce a far scorrere nuovamente la vita e a recuperare quell’identità che si credeva perduta. Biagio potrà raccontare ai figli e ai nipoti un mondo in cui, il duro lavoro, la solidarietà, l’amicizia avevano formato uomini e donne e costruito una società laboriosa e recupererà il sentiero della sua identità, sentendosi nuovamente figlio di una terra che ha dovuto lasciare per cercare miglior fortuna. Il libro ricostruendo l’identità cancella l’azione devastatrice dell’uomo e invita a creare una coscienza ambientale che costruisca una società che avendo rispetto del passato possa costruire un futuro migliore. Il libro è disponibile solo a richiesta, rivolgendosi all’Associazione Culturale ‘Forino News’.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here