Il CBD contro il mal di testa

Il CBD contro il mal di testa

29 Luglio 2021

Soffrire di mal di testa vuol dire avere un disturbo molto diffuso. I mal di testa in generale possono appartenere a categorie diverse e specifiche. Quando un mal di testa è leggero e non perdura per molto tempo può essere causato da disturbi come la stitichezza o dalla sofferenza per uno stato influenzale. Un mal di testa leggero può essere dovuto all’aver dormito poco o non essersi nutriti a sufficienza. Un mal di testa leggero può insorgere per uno stato di stanchezza o può sottolineare problemi alla vista.

Tutt’altra forma è quella dell’emicrania, un tipo di mal di testa molto doloroso e persistente, che può durare anche diversi giorni e presentarsi ciclicamente. L’emicrania si staglia con un dolore a pulsazioni, che colpisce una parte della testa, frontale o laterale destra o sinistra. Un attacco di emicrania può aumentare l’intensità, poca al suo inizio e più alta nel corso del passare delle ore.

Cause dell’emicrania possono essere disturbi ormonali, alterazioni biochimiche nervose, intolleranze alimentari, fenomeni climatici, uso di farmaci. Le emicranie più violente possono provocare anche nausea, vomito e ipersensibilità nei confronti della luce.

Che si tratti di mal di testa leggero o emicrania, il rimedio è univoco e non sempre riconosciuto da tutti: stiamo parlando del CBD. Il CBD può essere infatti un ottimo rimedio naturale per chi cerca sollievo dal mal di testa. Puoi trovare su questo shop il miglior CBD per risolvere il tuo problema. Scopriamo nello specifico l’effetto del CBD sul mal di testa.

L’effetto del CBD sul mal di testa

Come può il metabolita del cannabidolo, il CBD, estratto dalla canapa, risolvere un problema alquanto fastidioso e insidioso come il mal di testa? La risposta è nella stretta relazione che intercorre tra i cannabinoidi e la serotonina.

I cannabinoidi si legano alla produzione e all’inibizione della serotonina. Il sistema endocannabinoide regola molte funzioni dell’organismo e i fitocannabinoidi della canapa si legano insieme ai recettori dello stesso sistema endocannabinoide.

Il risultato del tutto è il controllo del dolore grazie al CBD. L’assunzione di CBD favorisce inoltre la riduzione degli attacchi mensili nelle persone che soffrono di condizioni di emicrania.

Come assumere CBD per il mal di testa

Abbiamo dunque capito che il CBD può essere utilizzato come propizio rimedio naturale contro il mal di testa, quando nella vita si è provato di tutto senza risultati apprezzabili. Ma come assumere CBD per il mal di testa?

Il rimedio più conosciuto è l’olio di CBD, un estratto puro della sostanza. Dell’olio di CBD, usato per le sue proprietà analgesiche, si devono utilizzare alcune gocce messe direttamente sotto la lingua e tenute in bocca per almeno 30 secondi. Le gocce devono essere assorbite dalla mucosa orale.

Le gocce di olio di CBD si devono prendere all’occorrenza ma sarebbe meglio non aspettare che l’attacco di mal di testa diventi troppo doloroso. E’ bene prendere le gocce non appena percepiamo la comparsa del mal di testa, soprattutto se siamo soggetti che soffrono di attacchi violenti di emicrania.