Il campionato dei lupi – I biancoverdi di scena a Viterbo contro il Monterosi: conta solo la vittoria per non allontanarsi troppo dal vertice

Il campionato dei lupi – I biancoverdi di scena a Viterbo contro il Monterosi: conta solo la vittoria per non allontanarsi troppo dal vertice

3 Ottobre 2021

Michele De Leo – E’ già gara da vincere a tutti i costi quella odierna per l’Avellino di mister Braglia. I lupi sono attesi sul campo del Monterosi Tuscia – si gioca allo stadio Rocchi di Viterbo – la neopromossa che non ha ancora assaporato il gusto della prima vittoria tra i professionisti ma che è reduce da tre pareggi di fila, due dei quali maturati in trasferta sui campi di Potenza e Taranto, tra i quali ha raccolto un prestigioso uno a uno casalingo contro il Palermo. La formazione laziale schiera, tra le sue fila, ben tre ex biancoverdi: il difensore Rocchi e l’esterno Adamo, entrambi lo scorso anno in Irpinia, il centrocampista Di Paolantonio. L’Avellino non può consentirsi ulteriori passi falsi e ha bisogno di portare a casa l’intera posta in palio dopo i cinque pareggi nelle prime sei gare di campionato. Il tecnico dei biancoverdi recupera Kanoute, Micovschi e Plescia che dovrebbero, però, partire tutti dalla panchina. Braglia dovrebbe puntare ancora sul 3 – 5 – 2 con Maniero e Messina di punta. Nella gara contro il Monterosi, però, conteranno poco uomini e modulo. Serviranno la rabbia e la cattiveria grazie alle quali i lupi hanno portato a casa punti importanti nel corso dell’ultimo campionato. Nonostante le lacune di una squadra costruita male e senza quel valore aggiunto che il Presidente D’Agostino aveva annunciato nel corso dell’estate, l’Avellino deve cominciare a mettere in cascina punti importanti per evitare di farsi trovare – già all’appuntamento del mercato di gennaio – troppo distanziato dalle squadre che lottano per il vertice. La gara di Viterbo può rappresentare una svolta importante per il cammino dei lupi che devono, però, abbandonare quell’atteggiamento rinunciatario visto per larghi tratti nella gara contro il Catanzaro, aggredire l’avversario e cercare quel gol che potrebbe sbloccare la squadra anche dal punto di vista mentale.