“Ignorante”vs”Cafone di Nusco”.Lite Formica-De Mita. Tutto chiarito

0
2

Gli anni scivolano via, la passione no. E cosi’ puo’ capitare che ci si ritrovi a litigare, con la veemenza di due giovanotti, su un’interpretazione storica. E’ accaduto ieri sera a Roma, dove Ciriaco De Mita e Rino Formica, rispettivamente 82 e 83 anni, hanno dato vita a un acceso siparietto alla Casa dell’Architettura che ospita la mostra dedicata ai 90 anni del Pci. Tema del dibattito: il compromesso storico”. Lo scrive Il Corriere della Sera, che aggiunge: “L’ex presidente del Consiglio della sinistra dc (che Bettino Craxi defini’ ‘l’irresponsabile insolente’ ) non accetta l’interpretazione di Formica sul perche’ non funziono’ la strategia del compromesso storico. Per l’ex membro della segreteria socialista, infatti, ‘e’ fallito perche’ confliggeva con la democrazia compiuta dell’alternanza. Questa era la richiesta del Paese nella meta’ degli anni 70. La Dc, invece di essere una destra moderna, era un grande centro di matrice cattolica’ . Parole inaccettabili, per De Mita. Che davanti a un attonito Stefano Menichini, direttore di Europa e moderatore, e al presidente del Copasir Massimo D’Alema, e’ partito all’attacco dell’avversario dei vecchi tempi: ‘Posso assicurare che l’obiettivo della Dc era quella di creare, attraverso il compromesso storico, le condizioni per l’alternanza. La crisi comincio’ perche’ il Psi pretendeva una guida indipendente dai rapporti di forza. E’ da ignoranti leggere la Dc come proiezione del Vaticano’ . Ma Formica, offeso, subito sbotta paonazzo in viso: ‘Dai dell’ignorante a me? Senti chi parla. Tornatene a Napoli, anzi no tornatene a Nusco. Tu sei un cafone di Nusco’ . De Mita rilancia gelido: ‘Embe’? Sei ignorante nel senso che non sai di cosa parli…’ . L’ex presidente dei Ds sorride silenzioso ma divertito dalla scena che gli si para davanti. I toni pero’ si alzano. Anche fisicamente, i due si fronteggiano. Tanto da spingere un preoccupato Menichini a tentare di placarli con qualche pacca sulla spalla e ironizzando con il pubblico: ‘Se questo era il massimo degli scontri politici che si verificavano un tempo, pensate che differenza con quelli di oggi…’ . Ma proprio come avveniva ai vecchi tempi della competizione tra Dc e Psi alla fine, a sorpresa, ieri sera De Mita si avvicina a Formica: ‘Ho interpretato male la tua tesi, scusami…’ . Senza rinunciare alla battuta: ‘Rino, ricordati pero’ che io non sono mica una comare’ . Ed ecco cosi’ rispolverata l’antica ‘lite delle comari’ , gia’ simbolo della conflittualita’ tra la Balena bianca e il Garofano, che il 5 novembre 1982 vide protagonisti lo stesso Formica e Beniamino Andreatta, ministri delle Finanze e del Tesoro nel governo Spadolini: il primo lo defini’ ‘una comare’ , il secondo ‘il commercialista di Bari esperto di fallimenti’ . A tarda sera, tornato a casa, Formica pero’ gia’ stemperava i toni: ‘Ciriaco mi ha chiesto scusa… Non ci siamo capiti sul revisionismo. Io sono stato ministro nel suo governo, lo conosco bene, anche se allora era piu’ ossequioso. Conosco la sua arroganza. Solo che invecchiando e’ peggiorato: e’ diventato una cosa terribile’

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here