Grottaminarda, Fratelli d’Italia: “Comune in predissesto”

0
1839

Riceviamo e pubblichiamo da parte di Gennaro Blasi, portavoce del Circolo Fratelli d’Italia di Grottaminarda “G. Almirante”:

“L’Amministrazione comunale certifica il disavanzo di oltre sei milioni di euro, attestando anche l’incapacità di chi ha gestito il bilancio comunale per oltre nove anni nell’ultimo decennio. L’Amministrazione comunale di Grottaminarda ha ormai intrapreso la strada che la condurrà al predissesto, in ragione dell’accertato disavanzo di oltre sei milioni di euro. Tale procedura, sostanzialmente obbligata e che comporterà significativi disagi soprattutto ai fornitori del Comune, che patiranno sicuramente una falcidia dei propri crediti, ha però un significato politico enorme.

Infatti, oltre ad attestare lo stato pietoso delle casse comunali, attesta anche la incapacità di chi per anni quelle casse ha gestito. C’è un tentativo, anche alquanto maldestro, che Fratelli d’Italia denuncia con forza: è il tentativo di premere il tasto “reset” per ricrearsi una verginità politica ed amministrativa. Ma una autoassoluzione del genere non renderebbe giustizia a quel circuito sano della responsabilità che la Destra da sempre pretende da chi si occupa della cosa pubblica.

Così come, per un mero incidente occorso in parlamento, la Destra politica ha chiesto scusa al popolo italiano, allo stesso modo e su un fatto decisamente più grave per il popolo grottese, il sindaco – già vicesindaco della passata amministrazione – e l’ex assessore al bilancio per oltre nove anni negli ultimi dieci, dovrebbero chiedere pubblicamente scusa a Grottaminarda per la propria incapacità ed inconsistenza politica ed amministrativa.

Non passerà sotto silenzio quanto sta accadendo a Grottaminarda in quanto Fratelli d’Italia, da sempre all’opposizione delle giunte che si sono succedute nel tempo, può liberamente denunciare la colossale incapacità di chi ha governato l’ente e continua a governarlo, dopo essere riuscito nell’incredibile incanto di far credere ai Grottesi di essere
il nuovo. I nomi di chi ha svolto le funzioni di vicesindaco e di assessore al bilancio mentre si costruiva questo abnorme disavanzo sono scolpiti nella pietra di decisioni amministrative e finanziarie evidentemente sbagliate: nessuna verginità, ma grande responsabilità per chi oggi amministra e certifica il proprio fallimento”.
Conclude la nota del portavoce del Circolo Fratelli d’Italia di Grottaminarda