FOTO / L’opposizione porta il sindaco in aula. Il ritorno a scuola approda in consiglio comunale il 29 dicembre

FOTO / L’opposizione porta il sindaco in aula. Il ritorno a scuola approda in consiglio comunale il 29 dicembre

16 Dicembre 2020

Alfredo Picariello – Una sorta di consiglio comunale. Così Ugo Maggio, presidente del civico consesso di Avellino, ha definito la riunione di oggi pomeriggio dei capigruppo che ha visto il ritorno in aula anche della minoranza, che la volta scorsa non aveva partecipato. Qualche parola grossa è volata ma, sostanzialmente, il clima è sembrato un po’ più sereno.

Alla fine, infatti, grazie alla mozione dell’opposizione nelle sedute di consiglio comunale del 29 e 30 dicembre – previste sempre in modalità mista, ovvero una parte dei consiglieri sarà a palazzo di Città e una parte in collegamento da remoto – si discuterà anche del ritorno a scuola nell’era della pandemia previsto, tranne altri colpi di scena sia a livello nazionale che regionale, per il prossimo 7 gennaio.

La mozione è stata presentata ieri dai capigruppo di “Mai Più” e “App”, Luca Cipriano e Francesco Iandolo, condivisa poi da tutta la minoranza. Il documento impegnerà l’amministrazione comunale ad illustrare ciò che ha fatto e sta facendo per il ritorno in aula dopo le festività natalizie. Il sindaco Festa, presente anch’egli oggi alla riunione dei capigruppo, dovrà “riferire periodicamente al consiglio comunale circa le attività strutturali realizzate per rispondere alle necessità manifestate dagli istituti scolastici e rendere pubblici i dati dello screening sulla popolazione scolastica e rendere pubblici quelli aggregati e gli open data sui risultati periodici”.

Ovviamente riflettori accesi anche sul tema dei trasporti pubblici.

L’opposizione, dunque, “incassa” un buon risultato, costringendo il sindaco e la maggioranza a discutere apertamente della questione scuola, nel luogo deputato, in consiglio comunale. Nelle sedute del 29 e 30, che avranno inizio alle 9 del mattino, si discuterà anche dei debiti fuori bilancio.

Le sedute in questione saranno precedute da altre due, il 23 dicembre ed il 28. All’ordine del giorno, la nomina del nuovo vicepresidente del consiglio comunale, al posto del dimissionario Ferdinando Picariello; la nomina della Commissione paesaggistica e poi, questione più delicata, soprattutto dal punto di vista politico-amministrativo, la rimodulazione delle commissioni consiliari, dopo le dimissioni in massa di tutti i consiglieri comunali di minoranza.

Quest’ultimo argomento potrebbe riservare momenti di tensione. Secondo l’opposizione, infatti, le commissioni vanno azzerate, cioè non basta una semplice sostituzione dei componenti. Di diverso avviso sembra essere l’amministrazione.

L’anno nuovo si aprirà con il dibattito sull’ambiente. Il 4 gennaio, infatti, arriverà in aula la mozione presentata dal consigliere comunale di maggioranza, Gerardo Melillo, presidente della commissione Ambiente. I riflettori saranno puntati in particolare sulla questione smog, con una seduta monotematica.