FOTO E VIDEO / “Esempio di umane virtù mirabilmente coniugate a sapienza giuridica”. Tribunale, un’aula nel nome di Preziosi

0
1008

Un galantuomo. In politica e nella aule del tribunale. Elegante, raffinato, colto che, come ama ricordare uno dei suoi figli, esprimeva la sua grandezza nel silenzio. Un gigante dell’avvocatura e della politica perché, ai suoi tempi, grandi figure eccellevano in entrambi i settori. Ma lui, in entrambi i settori, è stato molto bravo a farsi spazio e a farsi apprezzare.

Doveroso ricordarlo, dunque, anche – e soprattutto – dove ha trascorso buona parte della sua vita, non solo della sua carriera. Da adesso in poi, l’aula collegio penale del tribunale di Avellino porterà il suo nome, porterà il nome dell’avvocato Massimo Preziosi.

Alessandro l’attore, bello e corteggiato da mezza Italia – selfie in quantità anche quest’oggi per lui – il figlio più famoso, preferisce non rilasciare dichiarazioni al microfono, ma è visibilmente commosso. E dice, senza ombra di dubbio, che il papà amava il tribunale avellinese allo stesso modo di come amava Capri, la sua Capri, il suo buen retiro.

Massimo Preziosi è morto all’età di settantasette anni la notte tra il 10 e l’11 dicembre 2019. La sua fulgida carriera da avvocato è stata ricordata da tutti, chi ha voluto anche onorarne l’altro aspetto, è stato il presidente del tribunale, Vincenzo Beatrice. Lui si è soffermato sul fatto che Preziosi è stato anche sindaco di Avellino nel 1975, a soli 33 anni, carica che aveva ricoperto anche il padre, Olindo, anche lui noto penalista, anche lui primo cittadino del capoluogo irpino dopo la fine della guerra.

Nello studio di Preziosi si sono formati i tre figli Olindo, Valerio. E Alessandro. Il quale però, dopo la laurea in Giurisprudenza ha scelto invece la carriera di attore. E tanti altri avvocati, come ad esempio Alberico Villani. “Dal punto di vista professionale siamo tutti suoi figli”, rimarca Quirino Iorio, presidente della Camera Penale.

Toccanti anche i ricordi di Olindo, un altro figlio, avvocato come lui. Ad Olindo è toccato scoprire la targa dell’aula. Emblematica la scritta: Aula Massimo Preziosi. Esempio di umane virtù mirabilmente coniugate a sapienza giuridica”.