FOTO E VIDEO / “Difenditi dalle truffe”, la prevenzione a Mercogliano. Gli anziani: “Carabinieri nostri angeli custodi”

0
886

L’aspetto ed il tono della voce sono rassicuranti e gli anziani sono molto contenti di incontrarlo e lo stanno ad ascoltare con piacere. E’ un vero “angelo” Jorge Del Grosso, comandante dei carabinieri di Mercogliano che, nella sala consiliare “Tosone” del Comune, incontra una delegazione di persone più avanti con l’età, nell’ambito dell’importante campagna informativa “Difenditi dalle truffe” organizzata dal comando provinciale di Avellino che va avanti, da tempo, con successo, su tutto il territorio irpino.

Del Grosso parla ai presenti come se fosse un loro parente, quasi un figlio. Li guarda negli occhi e fornisce loro tutta una serie di indicazioni utili. “Nessuno è immune dalle truffe”, gli ricorda, seduto vicino al comandante della polizia municipale, Michele Leo, numero uno dei caschi bianchi che, anche loro, hanno un ruolo molto importante nella prevenzione di questi odiosi reati.

“Di solito – spiega Del Grosso – il truffatore è una persone elegante, dai toni gentili, pacati. Capisce alla perfezione quali sono le nostre fragilità ed utilizza di tutto per trarne beneficio. Non ci troviamo difronte il delinquente comune, ma una persona istruita, con buone basi culturali”.

I consigli basilari del comandante dei carabinieri sono due: “Non aprite mai a nessuno quando siete da soli in casa, mai, per nessun motivo. Non lo fate anche perché il truffatore, per raggiungere il suo fine, può diventare anche una persona violenta. Inoltre – prosegue Del Grosso – ricordatevi che nessuno può venire a casa vostra e chiedervi del denaro. Nessuno, chiunque esso sia”.

In questo caso, il comandante di Mercogliano ricorda anche quanto c’è scritto in un volantino che distribuisce ai presenti. “Non dare denaro a sconosciuti che dicono di essere impiegati di enti pubblici o privati. Enel, Telecom, gas, acquedotto, Inps, non effettuano riscossione di bollette presso abitazioni”.

Altro punto importante: “Prestare attenzione se qualcuno telefona a casa, chiedendo denaro per pagare debiti o acquisti di merce, con la scusa che è stato mandato da un parente. In tal caso l’appuntamento va rinviato e occorre chiedere al familiare interessato di partecipare al successivo incontro”.

Ed ancora: “Occorre cautela nell’acquisto di merce offerta per strada o venduta porta a porta e bisogna sempre diffidare dagli acquisti troppo convenienti e dei guadagni facili. Il più delle volte sono una truffa o si tratta di prodotti rubati”.

“Le truffe sono in aumento, è un reato in crescita purtroppo”, avverte il comandante dei carabinieri di Mercogliano. “Per questo motivo, è importante incontrare le persone. Se non possono venire in Comune, sono pronto io ad andare da loro. La rete è fondamentale, la sinergia tra cittadini, Comune e forze dell’ordine fa prevenzione e può aiutare a sconfiggere questi malfattori”.

Le parole di Del Grosso sono condivise dal sindaco Vittorio D’Alessio. Ma la gratitudine più importante arriva dagli anziani, alcuni dei quali si sono imbattuti in brutti episodi. Sono pronti a fare il “passaparola” con i loro coetanei e non solo, per vincere tutti insieme la battaglia contro le truffe ed i truffatori.