Formaldeide nella sigaretta elettronica: ecco come stanno realmente le cose

0
295
Young girl holds in hand new Vape Pod System, electronic cigarette, vaping concept.

Il controverso dibattito sulla sigaretta elettronica: un’analisi approfondita

Da quando ha fatto il suo ingresso sul mercato oltre un decennio fa, la sigaretta elettronica ha scatenato un acceso dibattito sulla sua effettiva pericolosità per la salute. Tra le numerose incognite che circondano questo dispositivo, una delle questioni più spinose è rappresentata dalla possibile presenza di formaldeide, una sostanza nota per le sue proprietà cancerogene, nel vapore prodotto dalle e-cig, sia esso con o senza nicotina (https://www.svapoebasta.com/tnt-vape/4825-base-neutra-50-50.html). La comunità scientifica e medica è divisa sull’entità del rischio associato all’utilizzo di sigarette elettroniche, e le ricerche in corso cercano di gettare luce sulla vera portata di questo potenziale pericolo.

La formaldeide: una sostanza pericolosa

La formaldeide, un composto chimico incolore caratterizzato dal suo odore pungente, è stato classificato come un cancerogeno di classe 1 dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC). Questo potente agente è associato a una serie di rischi per la salute umana, dall’irritazione degli occhi, del naso e della gola, a problemi respiratori. In situazioni più gravi, l’esposizione a concentrazioni elevate può causare danni al sistema nervoso e addirittura alterare il DNA. La gestione consapevole di materiali contenenti formaldeide è essenziale per prevenire potenziali effetti negativi sulla salute.

Formaldeide e sigaretta elettronica: c’è da preoccuparsi?

Diversi studi hanno rilevato la presenza di formaldeide nel vapore delle sigarette elettroniche. Tuttavia, la quantità di formaldeide prodotta varia in base a diversi fattori, tra cui:

  • Tipo di dispositivo: le sigarette elettroniche di nuova generazione con sistemi di controllo della temperatura tendono a produrre meno formaldeide rispetto ai modelli più datati.
  • Liquido utilizzato: la composizione del liquido per svapo, in particolare la concentrazione di glicerolo e glicole propilenico, influenza la quantità di formaldeide generata.
  • Modalità di svapo: svapare a wattaggi elevati o “a secco” può aumentare la produzione di formaldeide.

Sebbene la formaldeide sia presente anche nel fumo delle sigarette tradizionali, la sua concentrazione nel vapore delle e-cig risulta essere inferiore in diversi studi. Uno studio del 2015 ha rilevato che una singola sigaretta tradizionale produce circa 150 microgrammi di formaldeide, contro i 5-15 microgrammi di una sigaretta elettronica.

Ricerca e controversie

Lo studio “Hidden Formaldehyde in E-cigarette Aerosol” del 2015, condotto dal dottor Paul Jansen, ha acceso un acceso dibattito sulla pericolosità della formaldeide nelle e-cig. Lo studio sosteneva che la quantità di formaldeide nel vapore fosse di gran lunga superiore a quella del fumo di sigaretta, tuttavia, la metodologia dello studio è stata contestata da diversi esperti, tra cui il dottor Robert Cranfield. Secondo Cranfield, il test condotto da Jansen non simulava le reali condizioni di svapo e, di conseguenza, i risultati non erano affidabili.

Studi indipendenti successivi hanno confutato le conclusioni di Jansen, dimostrando che la quantità di formaldeide nelle e-cig è di gran lunga inferiore a quella delle sigarette tradizionali.

La formaldeide è presente anche nell’ambiente e in diversi prodotti di uso quotidiano, come cosmetici e detergenti e l’esposizione a questi agenti esterni contribuisce al livello complessivo di formaldeide a cui siamo sottoposti.

Implicazioni sulla salute a lungo termine dell’esposizione alla formaldeide nelle e-cig: uno sguardo approfondito

In conclusione, l’analisi degli effetti a lungo termine dell’esposizione alla formaldeide presente nelle sigarette elettroniche (e-cig) è ancora in corso ma attualmente i dati disponibili indicano che il rischio associato allo svapo potrebbe essere inferiore rispetto a quello derivante dal fumo tradizionale. È fondamentale notare che, sebbene la formaldeide sia presente nel vapore delle e-cig, la sua concentrazione risulta generalmente minore rispetto a quella rilevata nel fumo di sigaretta  tuttavia i risultati dipendono da diversi fattori tra cui il tipo di dispositivo utilizzato, il liquido impiegato e la modalità di svapo adottata, che possono far salire o scendere i valori della quantità di formaldeide prodotta. Al fine di comprendere appieno le implicazioni sulla salute, ulteriori ricerche si stanno effettuando per valutare gli effetti a lungo termine di questa esposizione e identificare potenziali rischi associati all’uso prolungato di sigarette elettroniche ma per ora smbrerebbe confermato che sono comunque un deciso miglioramento rispetto alle quantità assunte attraverso le sigarette tradizionali.