Fondi Europei, Pagano:”Rilanciamo l’occupazione nel salernitano”

Fondi Europei, Pagano:”Rilanciamo l’occupazione nel salernitano”

12 Agosto 2020

«I fondi europei per la ripresa economica post Covid-19 sono un’occasione unica per l’occupazione sul territorio della provincia di Salerno e dell’Agro nocerino sarnese. Dobbiamo puntare immediatamente ad abbattere il costo del lavoro e la pressione fiscale» – queste le parole di Lucia Pagano, candidata alle prossime elezioni regionali del 20 e 21 settembre nella lista “Centro Democratico – De Luca Presidente” -.

«Il pacchetto per il Sud appena approvato prevede il taglio del 30% dei contributi per chi assume nel Meridione o stabilizza lavoratori precari dal primo ottobre fino alla fine dell’anno. Questa è la direzione giusta, da concretizzare ulteriormente con l’attuazione di un piano per rendere strutturale il progetto».

“L’idea del governo Conte è di un investimento complessivo di 5 miliardi, al 30% fino al 2025, poi al 20% fino al 2027, e al 10% fino al 2029, il tutto finanziato con il Recovery Fund dell’Ue.

Una direzione sicuramente positiva che però non soddisfa a pieno la sindacalista dell’Agro nocerino sarnese. «La strada è quella giusta ma c’è ancora tanto da fare. La tassazione continua ad essere alta, soprattutto se pensiamo alle altre imposte regionali e comunali che incidono sull’economia dei nostri territori. Dobbiamo agire per liberare finalmente tutte le capacità ed intelligenze della nostra terra per agevolarne lo sviluppo e la crescita».

Il progetto della sindacalista va oltre gli annunci del momento ed entra nel merito della questione per trovare soluzioni concrete per il rilancio definitivo dell’Agro nocerino sarnese e dell’intera provincia di Salerno.

«Ad esempio il reddito di cittadinanza va ripensato per incentivare al lavoro le persone che chiedono un piano per il proprio futuro. Questa è la chiave per rilanciare il territorio e ridare linfa all’economia: con le opportunità, costruendo soluzioni concrete per un’impresa di territorio, collegata alle esigenze della nostra terra, alla sua fisiologia e alla voragine di forza giovane che abbandona la nostra provincia cercando fortuna altrove».

Un obbiettivo da raggiungere anche attraverso il rinnovo del consiglio regionale, con la prossima classe dirigente e politica del territorio che deve essere pronta a cogliere le importanti opportunità che provengono da Bruxelles.

«Non possiamo farci trovare impreparati. La politica locale e regionale deve essere pronta a cogliere un’occasione unica per sostenere le popolazioni, gli imprenditori, i lavoratori ed i giovani del nostro territorio”.