Ex Isochimica: Assocasa chiede nuove analisi sul progetto bonifica

0
5

Nonostante la Eurokomet abbia rassicurato la popolazione assicurando la sicurezza dei lavori, uno stato di agitazione continua a regnare tra i cittadini residenti nelle aree che saranno più colpite dai lavori di bonifica dell’ex Isochimica.
Il sindacato Assocasa di Avellino a tutela di numerosi sui soci, assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica presso Borgo Ferrovia e Rione Parco ha espresso grande preoccupazione a seguito delle annunciate operazioni di bonifica dell’ex industria di via Pianodardine.
“La bonifica va quanto prima effettuata al fine di eliminare un serio pericolo ecologico esistente sul territorio comunale di Avellino – ha dichiarato in una nota la segreteria provinciale del sindacato -, ma le operazioni vanno effettuate con tutte le dovute precauzioni a tutela della salute degli abitanti della zona. E’stata una dimostrazione di grande superficialità quel volantino che chiedeva agli abitanti della zona di rimanere in case con porte e finestre chiuse per tutto il periodo delle operazioni di bonifica. Non v’è dubbio che i capannoni e l’area sottoposti a bonifica vanno isolati (come se le operazioni di bonifica venissero effettuate sotto un pallone che impedisce ogni contatto con l’esterno). Pertanto questo sindacato – conclude la nota – chiede che il progetto per la realizzazione della bonifica vanga esaminato a tutela della salute pubblica e che i lavori di bonifica vengano eseguiti da un’impresa qualificata”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here