Estorsione a operaio, prosciolto imprenditore che si era spacciato per uomo del clan

0
1310

Si spaccia per uomo del clan per non saldare un debito di alcune migliaia di euro, prosciolto un imprenditore caudino.

Avrebbe estorto la somma di 3.500 euro a un operaio edile nato in Svizzera, millantando la propria appartenenza al clan Pagnozzi. Con questa grave accusa, la Procura della Repubblica di Avellino aveva chiesto il rinvio a giudizio nei confronti di un noto imprenditore originario di San Martino Valle Caudina. Ieri, davanti al Gup Marcello Rotondi, si è tenuta l’articolata udienza preliminare, caratterizzata anche da una sospensione richiesta dalla parte civile costituitasi, che chiedeva di poter analizzare la corposa documentazione prodotta dalla difesa dell’imprenditore caudino, assistito dall’avvocato Valeria Verrusio.

All’esito della dibattuta discussione, il Gup, condividendo gli argomenti offerti dalla difesa, ha disposto il proscioglimento del noto imprenditore perché il fatto non sussiste.