Emergenza Ucraina: in Irpinia 1.538 rifugiati di cui 687 minori

0
554

Proseguono le riunioni della cabina di regia istituita presso la Prefettura per la gestione dell’emergenza umanitaria correlata al conflitto in atto in Ucraina, con la partecipazione dei referenti della Questura, dell’Arma dei Carabinieri, dell’Asl, del Comune di Avellino, della Caritas, della Croce Rossa e dell’Associazione Ucraini Irpini, oltre che dei Servizi sociali.

Nel corso dell’incontro, svoltosi nella mattinata odierna, si è preso atto dell’attuale numero degli arrivi, che registra un evidente rallentamento del flusso di cittadini in ingresso su questo territorio provinciale.

Contestualmente si è focalizzata l’attenzione sulle significative risultanze delle attività poste in essere presso il Centro unico di accoglienza del Paladelmauro di Avellino e presso i due hub operativi ad Ariano Irpino e a Sant’Angelo dei Lombardi, dove, dall’inizio dell’emergenza ad oggi, sono stati assistiti e registrati 1538 ucraini, di cui 687 minori.

Tenuto conto della riduzione dell’afflusso di ucraini si è condiviso che dal prossimo lunedì e fino al 27 maggio, il Punto unico di accoglienza presso il Paladelmauro e i due hub in provincia svolgeranno l’attività nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 8,00 alle ore 14,00, mentre negli altri giorni la Questura e l’Asl di Avellino assicureranno i servizi presso i rispettivi Uffici.

La Cabina di regia della Prefettura continuerà a monitorare la situazione al fine di rispondere prontamente a tutte le esigenze che dovessero emergere.