Emergenza acqua a Solofra, De Stefano: “Vignola reciti mea culpa”

0
12
palazzo orsini solofra
palazzo orsini solofra

La comunità di Solofra è sempre alle prese con la grave emergenza idrica che ormai da anni ha messo in ginocchio numerose utenze del comune conciario.

Dal lontano 2014, ovvero dallo scoppio dell’emergenza legata al rinvenimento del Tce nella falda acquifera sottostante i territori irpini a confine con la Valle dell’Irno, buona parte delle case situate nelle zone alte del paese ma anche molte utenze del centro cittadino si ritrovano ogni giorno a fronteggiare una crisi che sembra non avere fine.

A fare il punto della situazione è il componente dell’opposizione consiliare, Gerardo De Stefano: “Lo scorso anno abbiamo presentato una mozione affinchè si provvedesse alla redazione di un piano di emergenza idrica perchè sapevamo già che si sarebbe profilato in estate, autunno e inverno questa criticità dettata dalla penuria di acqua – spiega – Abbiamo inoltre sollecitato più volte che le industrie con pozzi privati provvedano come fatto da ltre due concerie sulla base delle recenti sentenze a dotarsi di impianti a carboni. Le perdite si attestano al 40% e con il gelo sono arrivate anche al 50%. Il sindaco non ha titoli per prendere parte a questa protesta ma deve porre rimedio alle sue inefficienze. Ora è inutile piangere sul latte versato, Vignola reciti il mea culpa”.