Droga e armi in 2 box auto, 5 anni al pusher insospettabile

0
1836
squadra_mobile_polizia

AVELLINO- Cinque anni di reclusione nel processo con rito abbreviato al trentottenne avellinese scoperto dalla Squadra Mobile con circa 8 chili di droga e due pistole nascoste in due differenti box nella sua disponibilità.

Questa la decisione del Gup del Tribunale di Avellino, Giulio Argenio, all’esito del processo con rito abbreviato nei confronti dello stesso, difeso dal penalista Nello Pizza. A pesare sulla condanna anche lo stato di incensurato dell’imputato.

Il procedimento giudiziario trae origine da un’operazione della Squadra Mobile di Avellino avvenuta lo scorso 19 gennaio, quando il trentottenne era stato bloccato all’interno del primo box nella sua disponibilità mentre aveva in mano una busta con dodici panetti di hashish. Da qui il personale dell’Antidroga agli ordini del sostituto commissario Roberto De Fazio aveva esteso la perquisizione alla vettura, dove in un vano portaoggetti venivano rinvenute numerose stecchette di hashish già contenute in bustine di cellophane. E anche dalla perquisizione personale gli agenti avevano rinvenuto una somma di circa 1180 euro in piccolo taglio. Tutto sequestrato.

Il “colpo” più importante al pusher era arrivato subito dopo. Al personale di Via Palatucci infatti non era sfuggito che prima di raggiungere il box dove era stato tratto in arresto, il trentottenne aveva raggiunto un altro box poco distante. E nella sua disponibilità c’erano anche altre chiavi. E qui il personale della Squadra Mobile oltre a sessanta panetti di hashish nascosti in un angolo del box aveva rinvenuto anche due pistole, una semiautomatica calibro 8 modificata e una calibro 22, con relativo munizionamento. Oltre ad una busta con circa mezzo chilo di marijuana (peso lordo).

Altro stupefacente era stato rinvenuto anche nell’abitazione del trentanovenne. Per lui era scattato l’arresto per detenzione ai fini dello spaccio di droga, in particolare 8 kg di hashish (peso lordo) e 500 grammi di marijuana, detenzione abusiva di munizioni e armi e ricettazione delle pistole, convalidato dal Gip Francesca Spella.