Dossier WWF, cibi a rischio. Riscontrate sostanza tossiche

0
2

Cibi a rischio. E’ l’allarme lanciato dal Wwf nell’ultimo rapporto “La catena della contaminazione globale: il ruolo dell’alimentazione”. Su 27 campioni di alimenti, provenienti da Gran Bretagna, Polonia, Svezia, Italia, Spagna, Grecia e Finlandia – si va dai prodotti caseari, come latte, burro e formaggio alla carne (salsicce, petti di pollo, salame, bacon) salmoni, tonni, aringhe, pane, olio d’oliva, miele, succo d’arancia – tutti comprati in supermercati e di marche comuni, secondo il dossier Wwf, ci sono tracce di sostanze chimiche. In particolare sono stati ritrovati i 119 composti tossici come ftalati nell’olio d’oliva, nei formaggi e nella carne, pesticidi organoclorurati, come il Ddt, nel pesce, nel burro, nella carne di renna, muschi artificiali e organostannici nel pesce, ritardanti di fiamma ancora nella carne e nel pesce. Nessun allarmismo ma semplicemente la rischiesta di una normativa più severa per evitare danni a lungo termine al feto, a neonati e bambini.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here