Dopo 38 anni di divisa indossa la toga: la nuova vita del luogotenente

0
20732
avvocato_Antonio_Francavilla

AVELLINO – Dopo aver indossato la divisa per trentotto anni ha scelto, una volta in quiescenza, di continuare a servire la Giustizia.  Stavolta però indossando la toga, quella di avvocato.

La “nuova vita” professionale di Antonio Francavilla, anzi dell’avvocato Francavilla, riparte a sessanta anni proprio dalla professione forense. Per trentotto anni ha indossato la divisa dell’Arma, raggiungendo la pensione con il grado di luogotenente c.s (cariche speciali).

Qualche giorno fa, nell’aula Livatino del Palazzo di Giustizia di Avellino, ha giurato davanti ai consiglieri dell’ordine degli Avvocati di Avellino, leggendo la formula di giuramento, insieme a tanti giovani avvocati.

L’emozione e gli applausi sono gli stessi, quando Francavilla ha letto la formula: “Consapevole della dignità della professione forense e della sua funzione sociale, mi impegno ad osservare con lealtà, onore e diligenza i doveri della professione di avvocato per i fini della giustizia ed a tutela dell’assistito nelle forme e secondo i principi del nostro ordinamento”.

Anche la missione, sebbene su un fronte diverso da quello in cui è stato negli ultimi trentotto anni, resta la stessa: rendere un servizio alla Giustizia.

Per il neo avvocato anche una nuova sfida, dimostrando e già raggiungendo un risultato con largo anticipo, quello che il contributo alla società si può dare sempre, senza un limite come potrebbe essere stato quello della quiescenza. Anzi, l’avvocato Antonio Francavilla a quanto pare è pronto a darne anche un altro in termini sociali e di partecipazione pubblica, candidandosi alle prossime comunali ad Avellino, ma questa è un’ altra storia.