Difesa Grande, Iandoli: “Ariano ha già dato”

0
3

Ariano Irpino – Esprime solidarietà alla comunità di Ariano Irpino il presidente provinciale di Alleanza Nazionale, Modestino Iandoli alla vigilia della possibile riapertura della discarica di Difesa Grande, così come annunciato dal commissario straordinario per l’emergenza rifiuti in Campania, Corrado Catenacci. Iandoli ha inviato questa mattina,16 settembre, un messaggio al presidente del consiglio comunale di Ariano Irpino, Giuseppe Mastrandrea, in occasione della seduta straordinaria dell’assise. “Se è stato l’allora ministro Matteoli – dichiara Iandoli – a chiudere Difesa Grande, è giusto che An continui ad essere vicina ai cittadini e all’intera comunità di Ariano Irpino perché si scongiuri l’ennesima riapertura. Seppur la questione dei rifiuti è un’emergenza per l’intera Campania ed è dunque giusto che ciascun territorio si accolli l’onere di gestire i propri rifiuti, non è accettabile che quest’onere lo debba pagare sempre la stessa comunità. Trovo, invece, più giusto che si individui al più presto una soluzione alternativa. Non si può non rilevare come ancora una volta si debbano pagare le conseguenze per una gestione del ciclo integrato dei rifiuti assolutamente fallimentare. Per i cittadini di Ariano Irpino, che già hanno dovuto subire gli effetti negativi della discarica, non è previsto alcun regime di utili compensazioni. E non c’è nemmeno lo spiraglio di una soluzione finalmente definitiva che dia senso a quest’ennesimo sacrificio che viene chiesto loro. Resto dell’idea che solo l’autonomia di ciascun territorio potrà metterci al riparo dalle continue emergenze che affliggono la Campania. La soluzione è quella di un termovalorizzatore irpino che ci renda indipendenti. Non escludo una possibile sinergia con la provincia di Benevento. La nostra realtà e quella del Sannio, infatti, incidono poco in quanto a produzione di rifiuti rispetto all’intero quadro regionale, ma pagano allo stesso modo le conseguenze di un’emergenza che non sembra conoscere battute d’arresto”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here