Degrado e inciviltà senza fine: vandalizzato il defibrillatore in memoria di Tulimiero

0
1085

Fu un dono prezioso per ricordare una persona importante e speciale, una persona buona ed altruista, stimata e voluta bene da tutti. Un dono degli amici di Giulio Tulimiero, avvocato avellinese scomparso, a causa di un infarto fulminante, a soli 48 anni, nel 2020. Il regalo degli amici di Giulio alla città di Avellino, un mese dopo, fu un defibrillatore, posizionato lungo Corso Vittorio Emanuele.

“Il nostro non è solo un atto simbolico ma è un messaggio a favore della prevenzione e per alzare l’attenzione in merito a quelle che vengono definite morti improvvise”, dissero allora gli amici di Giulio.

Un messaggio che non è stato colto abbastanza dai soliti imbecilli di turno che, putroppo, nella notte tra sabato e domenica, hanno vandalizzato e buttato nel vano dei garages il defibrillatore. Un vero e proprio scempio, uno sgarbo non solo alla memoria di Giulio Tulimiero, ma a tutta la città.

“Tutto ciò – commenta Mario Tulimiero, il papà di Giulio – a dimostrazione del degrado dell’educazione e dell’inciviltà di gran parte della nostra popolazione. Mi auguro che la telecamera della farmacia Lanzara abbia registrato la scena”.

Ce lo auguriamo anche noi.