De Cesare quattro ore dal Pm Vincenzo Russo per chiarire la sua posizione. “Rispetto il lavoro dei magistrati

0
3940

De Cesare quattro ore dal Pm Vincenzo Russo per chiarire la sua posizione. “Rispetto il lavoro dei magistrati”, ha detto l’imprenditore all’uscita del lungo interrogatorio iniziato poco dopo le 15 e terminato intorno alle 19. Accompagnato dal suo avvocato Claudio Mauriello, è stato lo stesso De Cesare a chiedere di essere sentito.

Ricordiamo che ad ottobre, per la vicenda Sidigas, era stato revocato dal suo incarico di custode giudiziario Francesco Baldassarre. Nominato dal gip Marcello Rotondi – su richiesta del pubblico ministero Vincenzo Russo – il nuovo amministratore Lorenzo Palmerini, collaboratore della procura capitolina. Il suo profilo, proprio in ragione della conoscenza degli atti, ad avviso del gip Marcello Rotondi garantirà “un proficuo e tempestivo subentro nella gestione delle quote”.

Il custode giudiziario Baldassarre, nominato dalla procura di Avellino, è stato rimosso in quanto sottoposto a delle indagini. Revoca determinata da alcune denunce presentate dai legali di Gianandrea De Cesare (difeso dagli avvocati Luigi Tuccillo e Claudio Mauriello) e Bruno Del Vecchio (difeso dall’avvocato Massimiliano Moscariello) per il compenso percepito dall’amministratore della società Dario Scalella, circa 1 milione di euro annuo e la svendita dei beni della società.

Dunque al centro dell’indagine – aperta inizialmente a Roma e coordinata dal pubblico ministero Spinelli e successivamente trasmessa a Napoli – è finito l’utilizzo improprio dei fondi Sidigas, nonché l’auto-assegnazione di stipendi e benefit ritenuti onerosi e ben oltre i prezzi di mercato, così come le consulenze esterne di cui si sono avvalsi.

Dai legali di De Cesare è stata contestata la cattiva gestione dell’azienda da parte del custode giudiziario e dell’amministratore che avrebbero dovuto custodire e non svendere – come a loro dire – sembra sia accaduto per l’elicottero e per la squadra di calcio. Le indagini hanno inoltre evidenziato una serie di illeciti, a loro avviso compiuti da Baldassarre e Scalella da quando sono stati nominati alla guida della società dopo il sequestro – disposto dalla procura avellinese nel luglio del 2019 – di 97 milioni di euro sui beni e il patrimonio della società partenopea di distribuzione di gas naturale.