Coronavirus, LI.SI.PO.:”La salute degli italiani prima di tutto”

Coronavirus, LI.SI.PO.:”La salute degli italiani prima di tutto”

10 Agosto 2020

“Il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) – ha dichiarato Segretario Generale Antonio de Lieto –  augura al Poliziotto Positivo al COVID – 19 una pronta guarigione, ai due Agenti in isolamento auspica che gli accertamenti sanitari siano negativi al Coronavirus”.

“I 257 positivi riscontrati a Treviso – ha continuato de Lieto – devono far riflette non poco i vertici del Viminale, che al posto di impegnare le proprie energie per revisionare in peggio la normativa che garantisce i diritti sindacali nella Polizia di Stato, devono – a giudizio del LI.SI.PO. – a partire dal Capo della Polizia e dal Ministro dell’Interno adoperarsi sempre di più ad individuare nuove strategie per tutelare maggiormente gli operatori di Polizia impegnati  in prima linea a fronteggiare l’emergenza COVID – 19”.

“Al riguardo – ha rimarcato il leader del LI.SI.PO. – il Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) si chiede: cosa aspetta il Presidente del Consiglio e il Ministro dell’Interno a chiudere i nostri porti ed i confini terrestre con l’EST??? Possibile che non ci si renda conto che in questo modo – a parere del LI.SI.PO. – di certo non si tutelano gli ITALIANI da possibili nuovi contagi da COVID – 19. La tanta temuta seconda ondata del VIRS – a giudizio del LI.SI.PO. – può essere agevolata proprio dalla mancata decisione di chiudere i nostri porti ivi compreso i confini terrestre con l’EST”.

“La salute degli ITALIANI – ha concluso de Lieto – deve essere posta al primo punto dell’agenda di Governo. Chiusura porti, espulsione coatta per gli stranieri irregolari. Questa a parere del LI.SI.PO. è la ricetta giusta, tutto il resto è NOIA come cantava Califano!!!”