Coppa Italia Tim Cup, l’Avellino passa il turno e batte il Cesena

17 Agosto 2013

Avellino – Cesena 1 – 0
Tabellino:
Avellino – (3-5-2): Seculin; Izzo, Fabbro, Pisacane; Zappacosta, Arini, Togni (10’ st D’Angelo), Schiavon, De Vito (35’ st Bittante); Galabinov, Soncin (17’ st Herrera)
A disp.: Di Masi, Terracciano, Angiulli, D’Angelo, Biancolino, Millesi, Pape Dia, Herrera, Massimo, Bittante
All.: Massimo Rastelli
Cesena (4-2-3-1): Campagnolo, Ricci, Camporese, Volta, Renzetti, De Feudis, Coppola, D’Alessandro (28’ st Granoche), Garritano (1’ st Rodriguez), Defrel, Succi (15’ st Nadarevic)
A disp.: Rossini, Nadarevic, Rodriguez, Granoche, Arrigoni N., Tabanelli, Bangoura, Arrigoni T., Ballardini, Ahmetovic
All.: Pierpaolo Bisoli
Arbitro: Celi di Bari
Guardalinee: De Pinto di Bari; Stallone di Foggia
Quarto uomo: Cervellera
Ammoniti: 29’ pt De Vito (A); 18’ st D’Angelo (A); 18’ st Camporese (C); 22’ st Volta (C);
Espulsi:
Reti: 24’ pt Galabinov (A)
Angoli: 5 a 3 per l’Avellino
Recupero: 0’ pt; 5’ st
Note: il capitano dell’Avellino Alessandro Fabbro consegna una corona di fiori alla Curva Sud in onore del tifoso Vincenzo Sirignano prematuramente scomparso a seguito di un incidente stradale. – Presenti più di seimila spettatori al “Partenio – Lombardi”.

La cronaca del match:
PRIMO TEMPO: fischio d’inizio alle 20.30 al “Partenio – Lombardi”. Si gioca il 3° turno di Coppa Italia Tim Cup tra Avellino e Cesena. Il tecnico biancoverde Massimo Rastelli scende in campo con il collaudato (3-5-2) con: Seculin tra i pali; in difesa Izzo, Fabbro e Pisacane; a centrocampo Zappacosta, Arini, Togni, Schiavon e De Vito; il duo Galabinov – Soncin in avanti. Non recupera dall’infortunio l’attaccante Gigi Castaldo; il neoacquisto Peccarisi è squalificato; Catania e De Angelis sono fuori rosa.
Risponde Bisoli con il 4-2-3-1 che vede: Campagnolo in porta; Ricci, Camporese, Volta e Renzetti in difesa; a centrocampo De Feudis, e Coppola; D’Alessandro, Garritano e Defrel nel ruolo di trequartisti dietro la punta Succi.
Il primo tempo si apre al 3’ minuto di gioco. Padroni di casa vicini al vantaggio. Assist di De Vito per il neoacquisto Andrea Soncin che calcia a rete. Campagnolo blocca. Al 13’, ancora Avellino pericoloso. Arini serve Galabinov che si libera di un avversario e tenta la conclusione. L’estremo difensore del Cesena respinge. Al 16’ la squadra di Bisoli si rende pericolosa. A seguito di una disattenzione di Izzo, D’Alessandro recupera palla e crossa al centro; Defrel e Garritano non ci arrivano. Al 24’ Schiavon recupera palla e allarga sulla sinistra per Soncin. L’ex Ascoli serve il compagno Galabinov che, di testa, firma il vantaggio dei lupi. Al 32’ l’ex Cittadella Schiavon, di testa, serve Soncin che tenta il tiro dai 20 metri. Campagnolo c’è. Celi di Bari non concede alcun minuto di recupero e manda tutti a prendere il thè.

SECONDO TEMPO: la ripresa non si apre nel migliore dei modi per l’Avellino. Al 10’ minuto di gioco Togni si infortuna e Rastelli deve sostituirlo. Al suo posto entra Angelo D’Angelo. Al 16’ il Cesena cerca di pareggiare i conti. Passaggio di Rodriguez per Nadarevic. Il centrocampista bianconero si libera della marcatura e calcia a rete, ma la sfera termina alta sulla traversa. Punizione per i lupi al 24’. Sulla sfera Herrera che calcia di poco al lato della porta difesa da Campagnolo. Al 30’ Avellino vicinissima al raddoppio. Su sviluppo di un calcio d’angolo, battuto dal nino Herrera, Fabbro, di testa, converge a rete. La sfera termina di poco fuori. Dopo un minuto, la difesa biancoverde va in bambola. Pisacane gestisce l’incertezza intervenendo in scivolata e rifugiandosi in corner. Al 36’ Cesena pericoloso. Su sviluppo di un calcio di punizione, Volta tenta la conclusione vincente ma Seculin ha i riflessi pronti. Al 47’ Galabinov serve Arini che tenta il tiro da fuori area. Campagnolo c’è e risponde presente. L’Avellino passa il turno battendo il Cesena di Bisoli. Lupi lupi cantano i 5mila supporters presenti al “Partenio Lombardi”. L’entusiasmo sale e soprattutto in vista dell’esordio in Campionato di sabato contro il Novara. Una gara che avrà, senza dubbio, un sapore diverso. (Anna Vecchione)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.