Contrada – Iannaccone: “Per le imposte comunali cifre arrotondate”

7 Gennaio 2006

Contrada – Buone notizie giungono dalla Casa comunale. Restano invariati i canoni delle imposte per quanto riguarda Ici, Tarsu e Cosap. Nessun aumento delle tasse, quindi, anche per il nuovo anno. Un traguardo, questo, che l’amministrazione guidata da Antonio Iannaccone ha raggiunto con l’inizio del 2006. “Stiamo seguendo una politica finanziaria – ha spiegato il numero uno contradese – finalizzata al miglioramento della qualità della vita cittadina. Mantenendo immutate le tariffe delle imposte comunali garantiremo anche per l’anno appena iniziato l’efficienza dei servizi prestati dal Comune”. Per quanto riguarda l’attività amministrativa in campo edile, sono in attesa di essere cantierizzati i lavori di ampliamento di via Cuponi e via Lavina. In dirittura d’arrivo, invece gli interventi di regimentazione delle acque reflue in località Schiti. In data ancora da stabilire, la prossima seduta del civico consesso. Tra gli argomenti da dibattere anche l’approvazione di un decreto per semplificare i pagamenti delle quote comunali. “Alcuni depositi – continua il sindaco – verranno arrotondati per difetto in modo tale da evitare all’utente il versamento di 1,2,5 centesimi dell’importo complessivo. Si tratta di un ulteriore servizio alla popolazione, che se da un lato penalizza sensibilmente la cassa comunale, dall’altro beneficia i cittadini stessi”. Ma ogni mossa di Iannaccone e il suo Esecutivo sarà rimandata a febbraio, quando sarà programmata la prima seduta di Consiglio. “Dobbiamo dapprima studiare gli eventuali tagli del Governo centrale ai piccoli Comuni, per poi passare all’avallo del Bilancio 2006 e approvare il decreto sulle quietanze comunali”. (mar.ma)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.