Confesercenti: rischio desertificazione, istituzioni affrontino priorità commercio

0
2021
soldi Euro

“Anche in Irpinia, come nel resto del Paese, l’inflazione continua a sgonfiare le vendite. Il 2023 si è chiuso con una riduzione complessiva del volume di 3,7 punti che prosegue anche in questi primi mesi del nuovo anno.

Un calo che per le piccole superfici è ancora più consistente, ben 6 punti rispetto al 2022. Un vero e proprio crollo, in una situazione già molto delicata”. Ad affermarlo è Giuseppe Marinelli, presidente provinciale di Confesercenti Avellino.

“I dati diffusi da Istat – prosegue il dirigente dell’associazione di categoria – confermano purtroppo che l’inflazione media ha continuato ad incidere negativamente sulla spesa delle famiglie e che non accenna a frenare l’erosione delle quote di mercato per le piccole imprese.

Lo stesso fenomeno, seppur in forma ridotta, si era registrato lo scorso anno: dopo il rimbalzo post Covid del 2021, in due anni le imprese operanti su piccole superfici hanno fatto registrare una perdita cumulata in volume di quasi 8 punti.

Se poi si tiene conto anche della riduzione del potere di acquisto delle famiglie, dovuta all’inflazione, il valore reale delle vendite è ancora più negativo. Se i negozi di vicinato sono i più colpiti, va rilevato che anche il commercio elettronico per la prima volta è in arretramento, anche se dopo la crescita verticale del 2020, determinata dalla pandemia.

Appare pertanto sempre più evidente la necessità che le istituzioni, a cominciare dal governo nazionale, fino agli enti locali, affrontino con urgenza i problemi che riguardano le imprese del commercio e del turismo.

Dagli insostenibili costi della burocrazia all’elevato costo del denaro, dalle regole che premiano le grandi imprese alla web tax e al commercio online dei grandi marchi multinazionali, dal boom di utilizzo della moneta elettronica da parte delle imprese con i costi delle transazioni che non accennano a diminuire, sono i temi su cui sarà necessario un confronto nelle sedi preposte, come sottolineato anche dalla Confesercenti nazionale”.

“In provincia di Avellino, ma non solo, – conclude Marinelli – le numerose chiusure di attività e la ridotta natalità di nuove imprese rende sempre più concreto il rischio desertificazione dei centri urbani, con conseguenti problemi di sicurezza per i cittadini. Con le chiusure e la mancanza di servizi è in ballo la vivibilità di città e paesi”.