Condizionamento mafioso, sciolti i consigli comunali di Quindici e Monteforte

0
1850

ROMA- Il Consiglio dei Ministri ha deciso per lo scioglimento dei consigli comunali di Monteforte Irpino e di Quindici. Nella riunione conclusa pochi minuti fa è arrivato il via libera alla proposta del Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi.

La decisione all’esito della relazione del prefetto Paola Spena dopo gli accessi avviati nel maggio scorso dalla Prefettura di Avellino sui due comuni della provincia per verificare eventuali condizionamenti della criminalità organizzata, come previsto dall’art.143 del TUEL. Quindici (che ha già subito dal 1983 ad oggi 4 scioglimenti per condizionamento mafioso) e Monteforte Irpino per la prima volta oggetto di uno scioglimento.

Il lavoro delle due Commissioni di Accesso, dopo la proroga di tre mesi disposta ad agosto, si era chiuso con una relazione sulle attività ispettive eseguite. Non solo l’ acquisizione di una notevole quantità di atti ma anche alcune audizioni.

A Quindici la Commissione di Accesso è composta dal vice prefetto Florinda Bevilacqua (che ha già retto insieme ad altri due funzionari il Comune di Pratola Serra in seguito allo scioglimento), insieme.al funzionario prefettizio Domenico Gelormini e al comandante della compagnia Carabinieri di Baiano, il capitano Antonio Antonazzo Panico.

A Monteforte la commissione è stata coordinata dal vice prefetto Rosanna Gamerra, attuale capo di gabinetto a Palazzo di Governo, dal dirigente Salvatore Carli e dal tenente colonnello Amedeo Consales comandante del Reparto Operativo dei Carabinieri di Avellino.

L’amministrazione comunale di Quindici è guidata dal primo cittadino Eduardo Rubinaccio, in carica dal 2015 e al secondo mandato dopo le consultazioni del settembre 2020. A Monteforte Irpino l’amministrazione è guidata dal primo cittadino Costantino Giordano.