Con Ugo arriva il “familiare su richiesta”: gli anziani non restano mai soli. Presto il servizio anche ad Avellino

0
34

Familiari su richiesta. Si chiama Ugo ed è un accompagnatore formato per affiancare la persona in attività quotidiane. Subentra al familiare per un arco di tempo limitato. Ugo eleva il livello di serenità e sicurezza della persona e si occupa anche di eventuali spostamenti in auto. L’idea è di una startup di Quarto Oggiaro. Oggi operano a Torino, Milano, presto a Roma, Avellino ed in Puglia.

“La parte strettamente connessa alla mobilità è quasi minoritaria: chi ci chiama lo fa per avere al fianco qualcuno che, come un figlio o un nipote, stia con lui e lo aiuti a orientarsi all’ospedale, in banca, alla posta, con le borse della spesa o per riacquistare libertà facendo anche solo una semplice passeggiata”. Circa 150 accompagnatori attivi a Milano e una media di clienti che in città viaggia sugli 800 al mese. Già attive convenzioni con molti ospedali e istituti, dall’Humanitas allo Ieo, da Multimedica al Centro Sant’Agostino.