Comunità Irno-Solofrana, boccata d’ossigeno per i 97 forestali

0
4
Messa in sicurezza

 

Boccata d’ossigeno per i 97 operai idraulico-forestali della comunità montana Imo-Solofrana.

In questi giorni, infatti, l’Ente presieduto da Antonio Rescigno ha pagato 3 stipendi ai dipendenti, relativi ai mesi di giugno, luglio e agosto del 2014.

Inoltre, ha erogato la mensilità di settembre 2014 agli operai che curarno il servizio antincendio lo scorso anno.

Si tratta di fondi stanziati dalla Regione. Ma i dipendenti, dunque, restano in attesa di percepire altre ben tredici mensilità. “Mi rendo conto – afferma il presidente Rescigno che è anche sindaco di Bracigliano (in provincia di Salerno) che i lavoratori sono in attesa di percepire altri tredici stipendi ma, intanto, continuiamo a dare risposte concrete a loro e alle relative famiglie. Ho sempre detto, e ribadisco, che il pagamento delle mensilità arretrate resta, insieme alla tutela e alla promozione del nostro ecosistema, l’obiettivo programmatico principale della nostra amministrazione”.

A febbraio scorso, la comunità montana Irno-Solofrana, grazie a una propria anticipazione di cassa, aveva pagato ai dipendenti altri undici stipendi maturati in precedenza. “La soluzione definitiva al problema dei vecchi stipendi – prosegue Rescigno – resta lo stanziamento dei fondi necessari da parte della Regione Campania. Io e la mia amministrazione comunitaria siamo molto fiduciosi nel lavoro di Vincenzo De Luca, che sicuramente darà risposte concrete e definitive al futuro occupazionale dei nostri dipendenti e a quelli di tutte le comunità montane della nostra regione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here