La Cina risponde presente: l’Italia ha un alleato contro il Coronavirus

La Cina risponde presente: l’Italia ha un alleato contro il Coronavirus

13 Marzo 2020

Nel momento del bisogno la Cina tende una mano all’Italia con aiuti concreti destinati a combattere in maniera incisiva la diffusione del Covid-19 sul territorio nazionale.

La scorsa notte, alle 22.30, un Airbus A350 della China Eastern Airlines proveniente da Shanghai è atterrato all’aeroporto di Fiumicino con a bordo un’equipe medica composta da esperti che hanno già lottato contro il Coronavirus in Cina ed un carico di aiuti.

La spedizione cinese ha portato con sé in Italia 1.000 ventilatori polmonari, 20.000 tute protettive, 100.000 mascherine e 50.000 tamponi per effettuare il test per un totale di 31 tonnellate di forniture sanitarie. Sono i numeri messi sul piatto dalla Cina per aiutare il secondo Paese nel mondo, al di fuori della Repubblica Popolare, ed il primo in Europa con il maggior numero di contagi.

Aiuti materiali ma anche informazioni, competenze e saperi che il team, composto congiuntamente dalla National Health Commission of China e dalla Red Cross Society of China, metterà in campo contro quella che è diventata ufficialmente una pandemia.

“Questa è quella che definiamo solidarietà – ha sottolineato il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio che ha seguito live l’atterraggio dei sanitari cinesi – ce ne sarà altra. Non siamo soli, ci sono persone nel mondo vicine all’Italia. Non possiamo abbracciarci adesso, ma torneremo a sorridere. L’Italia è un paese in cui non vince l’egoismo, in cui tante persone stanno lavorando per il prossimo”.