Cervinara – Lo Sdi attacca la giunta Cioffi: tutto in un manifesto

18 Settembre 2005

Un duro attacco dei socialisti dello Sdi di Cervinara riapre la polemica politica contro l’amministrazione comunale guidata da Franco Cioffi. Attraverso un manifesto affisso sulle mura del paese i socialisti hanno mosso una serie di critiche all’amministrazione in carica, accusandola di operare contro gli interessi dei cittadini . I socialisti dello Sdi alle ultime amministrative di aprile non sono entrati nello schieramento di centrosinistra che poi ha vinto le elezioni, presentandosi in una civica con risultati non esaltanti. Nella scorsa legislatura lo Sdi aveva avuto incarichi importanti in amministrazione attraverso il consigliere Pasquale Casale, non riconfermato, poi, alle scorse elezioni. Nella parte conclusiva della consiliatura incomprensioni avevano portato lo Sdi ad uscire dalla maggioranza e avevano generato, poi, una spaccatura interna sfociata nell’l’abbandono dell’ex vice sindaco Giuseppe Romano. Si ‘rinfaccia’ all’amministrazione, dunque, di aver aumentato i tributi comunali, Ici e tassa dei rifiuti, nonostante un cospicuo avanzo di amministrazione consentisse di mantenerli inalterati. Il lungo manifesto si sofferma anche su una serie di problemi ancora irrisolti. Si parte del Piano Regolatore Generale, in cantiere da oltre venti anni e ancora fermo, per soffermarsi, poi, sulla situazione idrogeologica susseguente all’alluvione del ’99, rispetto alla quale secondo lo Sdi non è stato fatto niente. Si passa quindi al capitolo assistenza sociale, con gravi accuse di inadempienza rispetto alle necessità di disabili e anziani. Un attacco che nessuno si aspettava quello dello Sdi e che può essere interpretato come l’avvisaglia di un autunno caldo dal punto di vista politico. Ora si attende la risposta del Sindaco Cioffi. (Pasquale Russo)


Nessun commento Presente

Comincia una conversazione

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a cominciare una conversazione

I Tuoi dati saranno al sicuro!L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi.