Centro autismo, Ruggiero: “Fondi riscritti in bilancio”

0
7

I fondi destinati al completamento del centro per l’Autismo di Avellino, andati in perenzione, saranno nuovamente iscritti in bilancio. Tuttavia, la Regione non potrà non tenere conto dei tetti di spesa imposti dall’Unione Europea. E’ quanto è emerso stamani durante il vertice tenutosi a Napoli negli uffici del Consiglio regionale, promosso dal Presidente della Commissione politiche sociali, Antonia Ruggiero. All’incontro erano presenti la dottoressa Elvira Spagnuolo e l’avvocato Gaetano Manzi, rappresentanti dell’Aipa, il consigliere regionale Sergio Nappi, la dottoressa Rosanna Romano, direttore generale del settore politiche sociali, il dottor Renato Grimaldi in rappresentanza dell’assessore Russo, il dottor Rino Piano e il dottor Gaetano Battista titolari dell’impresa edile che sta realizzando i lavori. “Dall’incontro – spiega Ruggiero – è emersa la volontà comune di affrontare con determinazione le pastoie burocratiche che hanno impedito, fin qui, l’utilizzo dei fondi destinati all’Associazione irpina per l’autismo. I fondi andati in perenzione, che ammontano a circa 1,2 milioni di euro, saranno riscritti nel rispetto dei tempi e dei limiti imposti dai vincoli europei. E’ evidente – rimarca Ruggiero – che, pur essendoci la unanime volontà degli uffici di accelerare le procedure di spesa, saremo costretti a fare i conti con gli ineludibili vincoli imposti dall’attuale fase di rigore. Va sottolineato, comunque, che permane l’impegno del Presidente Caldoro ad adottare i provvedimenti che rientrano nella sua discrezionalità per aumentare tali tetti di spesa, agevolando, così, una più rapida fruizione delle risorse a disposizione.” “Infine, – chiude Ruggiero – dal confronto di stamani è emerso che potrebbero servire ulteriori 400mila euro per quelle opere che servono a rendere fruibile la struttura. Opere non essenziali ma certamente necessarie per l’utilizzo ottimale dell’edificio.” “Per affrontare il problema del Centro per l’Autismo – afferma Sergio Nappi – occorre mettere da parte ogni forma di strumentalizzazione e unire gli sforzi per poter giungere in tempi rapidi al completamento dell’opera. Non bastano le passerelle, né i comunicati che attribuiscono le responsabilità agli uni o agli altri. Occorre un serio impegno istituzionale, la collaborazione degli uffici regionali e del Comune di Avellino. Stamani – chiude Nappi – abbiamo preso atto della piena disponibilità degli uffici compiendo un significativo passo in avanti verso la realizzazione dell’opera.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here