Cartoline antichissime al Milite Ignoto, una speciale da Avellino

0
9

di AnFan – Ci sono monumenti visibili nelle nostre città e altri più difficili da scorgere. Testimonianze quotidiane affidate a documenti più intimi. E’ il caso di oltre 30mila cartoline inviate al Milite Ignoto tra il 1921 e il 1922. Una miriade di voci, messe nero su bianco, che riguardano anche Avellino. Tra poco capiremo cosa centra il capoluogo irpino.

Prima un po’ di contesto alla nostra storia. Le cartoline sono state individuate in un deposito dell’Archivio del Museo Centrale del Risorgimento di Roma. La direzione, in vista del centenario della Grande Guerra, ne ha chiesto la catalogazione.

Barbara Bracco, docente di Storia contemporanea dell’università di Milano-Bicocca, ha iniziato ad analizzarle quei documenti.

Oltre ai messaggi commoventi per la patria, ne spicca anche qualcuno che offre una narrazione diversa. 

E’ il caso di un ex combattente originario proprio di  Avellino: “A voi, martiri della nefanda guerra Europea, cui fu gioco forza abbandonare la famiglia, subire disagi di ogni specie sacrificando atrocemente la giovinezza nel fango, diventando carne da cannone e da strapazzo, a Voi un pensiero fraterno, doloroso, imperituro, l’ex combattente ferito in guerra”.