Carcere Bellizzi, detenuto dà fuoco alla camera. Palmieri (Osapp): “Urge intervento risolutivo”

0
1339

Casa circondariale Avellino-Bellizzi. “Sarà un’estate rovente – scrive in una nota il segretario regionale OSAPP Campania, Vincenzo Palmieri -. Nella nottata odierna verso l’una un detenuto ristretto che due giorni fa ha sfasciato il pronto soccorso con ingenti danni, non ancora trasferito, ha incendiato la camera di pernottamento dove era ubicato assieme ad altri al piano terrà lato sinistro del reparto detentivo. Si è reso necessario evacuare l’intera sezione a causa dei fumi che rischiavano di essere dannosi per la salute degli altri reclusi e per il personale”.

“L’esiguo numero di Poliziotti in servizio è riuscito a domare l’incendio e a metterli tutti in salvo – continua Palmieri -. Urge un intervento risolutivo per contrastare queste condotte che minano la sicurezza e l’incolumità di tutti, principalmente della polizia penitenziaria. Occorrono trasferimenti e sanzioni per frenare questo fenomeno e l’apertura urgente di un reparto detentivo ospedaliero per impedire evasioni da luoghi esterni di cura perché si deve operare in sicurezza per garantire anche l’ordine pubblico e non piantonare soggetti nei corridoi degli ospedali”.

“Da diverso tempo – spiega – stiamo richiedendo di rivedere i circuiti penitenziari nella provincia di Avellino e il trasferimento dei rivoltosi o comunque di coloro che non rispettano le regole penitenziarie minando anche i percorsi trattamentali e per questo motivo chiediamo anche il trasferimento degli art 32 cc Ariano Irpino autori di disordini, che non possono essere più gestiti e, nel frattempo, di bloccare trasferimenti in entrata di altri utenti presso la sede di Ariano, fino a quando non saranno ristrutturate le due sezioni attualmente inagibili, e la ristrutturazione totale del vecchio padiglione ovviamente con l’incremento del personale perché quello attuale è insufficiente. Il segretario generale Leo Beneduci parlerà con il Capo DAP della delicata questione della Campania”.